Saman, forse hanno davvero trovato quello che resta di lei

Forse appartengono a Saman Abbas i resti ritrovati vicini al luogo della scomparsa della ragazza. Le indagini e le analisi nei prossimi giorni daranno i riscontri.

Saman Abbas
Saman Abbas (foto dal web)

Riavvolgiamo il nastro: Saman Abbas sparisce da Novellara (Reggio Emilia) nella notte tra il 30 Aprile ed il primo Maggio 2021. È Saqib Ayud, ventunenne fidanzato della ragazza, a rivolgersi alle forze dell’ordine dopo la scomparsa. Dopo le prime indagini si scopre che la ragazza aveva rifiutato un matrimonio combinato in Pakistan con suo cugino proposto molto probabilmente con forza dalla famiglia.

Saman quindi si rivolge ai Servizi Sociali di Novellara che la prendono in custodia. Quando la ragazza torna a casa per riprendere i documenti, sente una conversazione tra il padre, la madre e lo zio terrificante: “C’è un unico rimedio per chi non rispetta le regole“. Dopo quel giorno, non si ebbero più notizie della ragazza. In questi ultimi giorni però si sono verificate diverse svolte: il padre avrebbe confessato ed è già predisposta l’estradizione per l’uomo. Inoltre sono stati ritrovati dei resti nelle vicinanze della sua vecchia che potrebbero corrispondere al corpo della giovane pakistana.

Saman, restano gli ultimi dubbi

La certezza che i resti corrispondano esattamente al DNA della ragazza arriverà solamente dopo tutti gli accertamenti del caso. Nonostante ciò però, Gaetano Paci, il procuratore del caso ha dichiarato che ci sono grandissime probabilità che la corrispondenza si realizzi.

Leggi anche: Il fidanzato guida senza patente, l’auto finisce nel fiume: così una giovane attrice è morta in maniera assurda

Sino a due mesi fa andavo avanti come i parenti delle persone scomparse: Speravo che Saman fosse viva, magari in Pakistan. Quando due mesi fa ho letto le parole pronunciate dal padre Shabbar in un’intercettazione, la speranza di poterla trovare ancora in vita è svanita” ha dichiarato al Corriere della Sera il fidanzato di Saman.

Leggi anche: Salerno, uomo s’impicca al cavalcavia. Ma non è morto solo lui

Il ritrovamento dei resti però non c’entra nulla con l’arresto del padre in Pakistan: questo tiene a ribadirlo Gaetano Paci. La scoperta si è verificata grazie alle minuziose ricerche portate avanti dagli addetti ai lavori da circa 19 mesi a questa parte.