Padelle antiaderenti in teflon pericolose: allarme lanciato dal nuovo studio

Uno studio recente rivela inquietanti verità sulle padelle in teflon, sarebbero pericolose.

Padelle pericolose
Padella (Pexles)

Un nuovo studio ha fatto emergere inquietanti le verità riguardanti le padelle, in particolare quelle antiaderenti in teflon. Sarebbero dannose per la salute a quanto pare, ma solo a determinate condizioni.

Infatti di per sé le padelle non sono dannose, a meno che non siano rovinate, questo dipenderebbe dal fatto che se rovinate potrebbero rilasciare determinate sostanze dannose per la salute umana.

Attenzione a controllare le padelle antiaderenti, quelle in teflon potrebbero diventare pericolose per la salute

Studio teflon
Padella (Pexles)

Se ne era già parlato di padelle antiaderenti che potevano diventare dannose per la salute se rovinate, ma negli ultimi giorni un nuovo studio ha fatto emergere altri dati rilevanti. Lo studio è stato condotto da vari ricercatori australiani del Global Center for Environmental Remediation e del Flinders Institute of NanoScale Science and Engineering, i ricercatori si sono occupati di testare sei diversi tipi di padelle e pentole antiaderenti sia nuove che usate

Potrebbe interessarti anche >>> Cibo cotto o scaldato al microonde: cosa succede al tuo corpo, non immagini

Ebbene sui campioni dopo aver emulato il processo di cottura e di pulizia dell’oggetto, sono stati passati vari oggetti come una spatola di acciaio, delle pinze per il barbecue, una spugnetta di lana di acciaio e una spatola di legno, i risultati hanno dimostrato che durante il processo di cottura o di lavaggio queste padelle possono rilasciare fino a 2 milioni circa di minuscole particelle di plastica.

Potrebbe interessarti anche >>> Serena Grandi travolta dai debiti: “Mi hanno portato via anche lo stendino per i panni”

Il fatto allarmante è che secondo la ricerca basterebbe anche solo una crepa superficiale su una padella rivestita di teflon per garantire il rilascio di circa 9100 particelle, le cose peggiorano se l’utensile è più rovinato, infatti durante il processo di cottura si potrebbe arrivare ad un rilascio di circa 2,3 milioni di microplastiche. La raccomandazione è quella di fare parecchia attenzione all’incolumità di tali oggetti e di non utilizzarli se rovinati, nel frattempo il professor Youhong Tang uno degli autori del progetto, ha affermato che ci saranno altre ricerche sul teflon per fare maggiore chiarezza.