Giuseppe esce di casa nel momento sbagliato: è il suo ultimo giorno di vita

0
131
Fonti ed evidenze: Fanpage, QuotidianoNazionale

Giuseppe Incontrera, 45 anni, aveva precedenti per droga. Sarebbe stato aggredito  forse in una lite per un incidente stradale.

Palermo, 30 giugno 2022, un incidente stradale avvenuto nel rione della Zisa, la lite che degenera in una sparatoria che lascia un uomo ferito a terra, poi la tragedia.

Omicidio Palermo ANSA/ IGNAZIO MARCHESE

Potrebbe essere questa la dinamica dell’omicidio avvenuto ieri mattina in via Imperatrice Costanza, a Palermo. Si torna a sparare nel rione della Zisa, dove a essere rimasto ucciso è Giuseppe Incontrera, 45 anni residente alla Zisa con precedenti per droga, colpito da almeno tre proiettili calibro 22 due al torace e uno sulla spalla. Inutile l’arrivo dei soccorsi e il trasporto urgente in ospedale: data la gravità delle ferite, i medici non sono riusciti a salvare la vita all’uomo. Ferito mortalmente, Giuseppe è deceduto al pronto soccorso dell’Ospedale Civico di Palermo dove nel mentre si sono radunate una cinquantina di persone suscitando tensioni all’ingresso dell’ospedale. I sanitari giunti nel luogo dove l’uomo era stato ferito mortalmente sono stati aggrediti. La squadra mobile è dovuta intervenire per ristabilire l’ordine. I carabinieri del nucleo investigativo stanno cercando di ricostruire la dinamica esatta della sparatoria e cosa abbia scatenato l’ira dell’omicida. Inoltre in queste ore la polizia sta sentendo le varie testimonianze dei vicini di casa, le persone che abitano nel luogo dove è avvenuto il delitto, i familiari e gli amici, per approfondire le ricerche. Sono già stati ritrovati i bossoli calibro 22 esplosi dall’arma da fuoco, almeno 5, ma l’unico indizio in possesso dei carabinieri è, al momento, un altro. È stata ritrovata un’automobile con il parabrezza lesionato nei pressi della sparatoria. La vettura parcheggiata lì ha fatto pensare a un incidente stradale che potrebbe aver coinvolto i conducenti in una lite, degenerata nel peggiore dei modi. Un aiuto alle indagini potrebbe arrivare anche dalle immagini degli impianti di videosorveglianza della zona.