Puglia, ragazzina rimane incinta. E arrestano il padre

0
93
Fonti ed evidenze: Il Mattino, Adnkronos

Orrore in famiglia: il padre violenta la figlia e lei resta incinta. Una storia terribile che ha segnato la ragazza.

Spiaggia
Janos Chiala/Getty Images

La propria famiglia dovrebbe essere un posto sicuro. Accettazione, amore incondizionato e rispetto. Sicuramente, la paura di stare in famiglia non dovrebbe essere un sentimento provato dai figli di una coppia. Certamente, non tutte le famiglie sono perfette. Fatto sta che, in alcune famiglie, si possono nascondere delle storie terribili, figlie di dinamiche inaccettabili, legate a violenze e abusi perpetrati ai danni di membri deboli del nucleo familiare. Questa è la storia di una ragazza romena, violentata dal padre e rimasta incinta.

Accade a Cerignola, provincia di Foggia. Un romeno è stato arrestato, accusato di stupro nei confronti della figlia, rimasta incinta a seguito delle reiterate violenze sessuali. Le indagini condotte dalla polizia sono partite dalla segnalazione di un casolare presso le campagne cittadine. All’interno del casolare, un nucleo familiare con dentro minorenni. In particolare, una ragazza incinta. La giovane è rimasta incinta a seguito dei reiterati abusi sessuali commessi dal padre.

In seguito alle indagini, dopo le dichiarazioni della giovane e dei vari riscontri acquisiti in via preliminare, la polizia ha eseguito il fermo dell’uomo, che deve rispondere dei reati di violenza sessuale aggravata e continuata nonché di maltrattamenti in famiglia. Questi i terribili reati di cui sembra essersi macchiato il padre di famiglia romeno, reo di aver violentato la figlia, mettendola incinta.

Il fermo dell’uomo è stato convalidato dall’autorità giudiziaria. A carico dell’uomo indagato, è stata disposta la misura cautelare di custodia in carcere. La Questura di Foggia ha precisato che “il procedimento è alle fasi preliminari. L’arrestato, seppur attinto da gravissimi indizi di colpevolezza rispetto ai reati per cui è stata applicata la detenzione carceraria, non si può dire colpevole finché non venga condannato in via definitiva”.

Una storia che fa venire la pelle d’oca. Specie pensando alle violenze subite dalla figlia dell’uomo, che avrà bisogno di supporto psichiatrico e di tantissimo tempo per cercare di superare il terribile gesto commesso dal padre. L’uomo deve ancora essere giudicato colpevole, seppure tutti gli indizi portino al suo coinvolgimento all’interno della terribile vicenda incestuosa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui