Giornate veloci quando invecchiamo? Ecco il motivo!

0
11

Vi è mai capitato di provare la sensazione che le giornate scorrano più veloci rispetto a quando eravate più giovani? Uno studio condotto da Adrian Bejan della Duke University degli Stati Uniti ha indagato sulle cause ed è riuscito a spiegare perché.

Giornate.veloci_leggilo.org_10.01.2022

Quando si è piccoli, ogni cosa nel mondo è sempre una scoperta. Specialmente da bambini tutto ciò che ci circonda sembra essere circondato da un’aura di magia. Tutto è nuovo, e le ore e ore passate a giocare sono un modo per conoscere il mondo trascorrendo giornate che sembrano durare all’infinito. Tra la mattina e la sera il tempo a disposizione infatti sembra essere molto di più di quello di quando siamo vecchi: più invecchiamo e più ci sembra che le giornate siano veloci. Ma come mai abbiamo questa sensazione? La risposta sta nello studio che ha indagato i meccanismi che fanno scattare nelle nostre menti queste sensazioni: scopriamo insieme di cosa si tratta.

 

Potrebbe stupirti scoprire che in realtà questa sensazione non è solo frutto dell’immaginazione delle persone ma ha delle vere e proprie basi scientifiche. Come affermato dallo studio della Duke University degli Stati Uniti e più precisamente del ricercatore Adrian Bejan, sarebbe tutto causato dall’invecchiamento del nostro cervello. Sono infatti i fattori fisici che influenzano la percezione del tempo, anche se gli effetti sembrano essere un frutto della nostra mente: lo studio li ha esaminati approfonditamente.

Giornate.veloci_leggilo.org_10.01.2022

Ci sono diverse ricerche che hanno indagato i motivi di questa percezione diversa dello scorrere del tempo. Da una di queste, ad esempio, è emerso un risultato sorprendente: il tempo sembra trascorrere più lentamente anche quando si ha la febbre, e questo a causa delle alte temperature.

Leggi anche -> Autostima: ecco come iniziare l’anno in maniera super!

Giornate veloci: la spiegazione

Ma come mai da bambini le giornate sembrano più lunghe? Una delle possibili risposte prese in considerazione da diversi studi è che per i più piccoli il tempo sembra scorrere più lentamente perché hanno moltissime cose in più da imparare ed esplorare rispetto agli adulti: le esperienze e le situazioni da vivere sono decisamente più numerose, e così le giornate sembrano infinite.
Anche negli adulti si può ricreare questa situazione: succede durante le vacanze. Che siano estive, natalizie o di qualunque tipologia, le vacanze spezzano la routine e diventano occasione per esplorare qualcosa di nuovo, vivendo tante diverse esperienze e portando gli adulti alla pari dei bambini in quanto a quantità di nuove esperienze da provare e luoghi mai visti prima da esplorare: in questo caso, anche gli adulti hanno la sensazione che le giornate scorrano lentamente.

La spiegazione più scientifica invece è fornita proprio dall’autore dello studio della Duke University, e risiede inaspettatamente negli occhi dei bambini e nei loro movimenti saccadici. Questi movimenti segnano la velocità con cui il cervello percepisce le cose esterne: più sono veloci, più immagini si vedono, più si ha la sensazione che il tempo passi lentamente. Al contrario, come succede negli adulti, il movimento è più lento e, vedendo passare meno immagini, si ha la sensazione dello scorrere del tempo più rapido.

Leggi anche -> Nonni: Ecco l’incredibile effetto che hanno sui nipoti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui