Fame emotiva: Ecco come smettere di mangiare se sei triste o sotto stress

0
175

Ti capita spesso di mangiare quando sei triste o sotto stress? È un comportamento comune, ma evitare la “fame emotiva” è possibile.

Mangiare
Joe Raedle/GettyImages

Quando delle emozioni come tristezza, ansia, rabbia e noia ci tempestano, è facile cadere in tentazione sfogando le nostre emozioni tramite l’atto del mangiare. Ciò che inizia come un tranquillo “meccanismo di difesa” si può trasformare velocemente in una pessima abitudine alimentare. Questo è il motivo per cui è importante saper riconoscere e riuscire a risolvere questo meccanismo, per evitare la fame emotiva, ovvero il mangiare secondo le nostre emozioni.

Al contrario della fame reale, o della fame fisiologica, che è necessaria nonché volta alla nostra sopravvivenza, la fame nervosa, o fame emotiva, non nasce da un chiaro bisogno fisiologico, ma origina da un nostro stato emotivo o mentale. La fame tende a manifestarsi con suoni del nostro sistema digestivo che ricordano al nostro cervello che è momento di mangiare. Da ciò, quando senti di voler “sgranocchiare” del cibo, ascolta bene quello che ti dice il tuo corpo. Se il tuo stomaco non brontola, probabilmente non hai davvero fame.

La maggior parte del tempo, confondiamo la sete con la fame. Da ciò, capita spesso che le persone cerchino conforto nel cibo quando, a dire il vero, sono disidratate. Bere tisane, tè, caffè o acqua è la prima cosa da fare. Anche mangiare zuppe, verdure e frutta aiuta a mantenere sotto controllo i livelli di idratazione del tuo organismo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Dieta lampo: vediamo come perdere fino a 5 chili in 7 giorni

Ridurre le tentazioni è oltremodo importante, se vuoi smettere di mangiare in modo emotivo. Se i “dolcetti” sono esposti in bella mostra, per te sarà molto complicato dir loro di no. L’incapacità di resistere a cibi golosi è legata a percorsi neurali che bloccano il nostro processo decisionale nonché i sistemi che controllano gli impulsi. Dovresti inoltre evitare cibi processati, specie quelli con zuccheri aggiunti. Mangiarne uno ogni tanto va bene, ma non dovrebbe essere un’abitudine.

Mangiare cibo sano è fondamentale per una migliore attitudine al cibo. Prima di andare a fare la spesa, parti con le idee chiare su quello che devi comprare. Pianificare una lista con tanti ingredienti sani ti porterà ad aggiungere al carrello prodotti migliori per la tua salute. Con una dieta sana, ti sentirai più soddisfatto e desidererai meno uno spuntino confortante. Inoltre, l’esercizio fisico è un altro punto importante che ti può portare a mangiare meglio, in quanto fare esercizio sopprime il tuo appetito. Se non puoi uscire di casa, svolgi il tuo esercizio fisico al chiuso. I benefici saranno comunque ottimi.

Dunque, quando ci sentiamo affamati, è fondamentale ascoltare il proprio corpo, chiedendoci se abbiamo davvero fame, oppure se il nostro stato emotivo ci spinga a mangiare. Quando lo avremo capito, potremo sostituire alla nostra fame emotiva tante alternative sane per migliorare la qualità della vita.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui