Svanisce nel nulla la notte di Halloween: era in un casolare vicino Pisa, e la riconoscono dall’anello

0
266
Fonti ed evidenze: Adnkronos, Corriere della Sera

A distanza di quasi un anno, emerge la verità sulla misteriosa scomparsa di una giovane donna, Khrystyna Novak.

 

Una giovane donna scomparsa nella notte di Halloween 2020, il suo corpo – privo di vita – ritrovato sette mesi dopo in un casolare situato nelle campagne circostanti Pisa. Era avvolto con del cellophane e chiuso con del nastro adesivo. La donna e il compagno pensavano al matrimonio. Il corpo in stato di decomposizione è stato riconosciuto dall’anello che le aveva regalato proprio il fidanzato e che lei portava non all’anulare, ma al dito medio.

La vittima si chiamava Khrystyna Novak, era ucraina e aveva appena 29 anni. Era la notte delle “streghe” quando la giovane svanì nel nulla, poche ore dopo l’arresto del fidanzato Airam Gonzalez Nigrin, un 41enne di origini spagnole, imprenditore del cuoio. L’uomo, quella medesima notte, fu sottoposto alla misura cautelare per porto abusivo d’arma e munizioni, ricettazione, compitazione e detenzioni ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Gli agenti avevano trovato nella sua casa di Orentano delle armi, denaro in contanti, una serra per la coltivazione di marijuana e quattro chili e mezzo di droga.

Khrystina, fu dapprima portata in Questura con il fidanzato ma venne rilasciata. Era sconvolta dall’arresto. Da quanto emerso a posteriori, la 29enne avrebbe lasciato la sua abitazione poche ore dopo senza portare con sé soldi e documenti. Da quel momento di lei più nessuna traccia: sparita, inghiottita dalla notte. Finché, sette mesi dopo, il suo corpo venne rinvenuto in avanzato stato di decomposizione all’interno di quel casolare, non distante dalla casa in cui abitava. Venne arrestato Francesco Lupino, tatuatore fiorentino di 49 anni, arrestato per quell’omicidio. Per mesi Lupino, che era in affari con il compagno della ragazza, si è sempre dichiarato innocente. Dopo l’ennesimo interrogatorio durato dieci ore, ha confessato: “Sì, Khrystyna l’ho uccisa io, volevo punire lei e il suo fidanzato”. . Al momento il movente dell’omicidio è ancora da capire ma si ipotizza che Khrystyna quella notte abbia visto qualcosa che non avrebbe dovuto vedere. Non è chiaro, invece, cosa sia accaduto ad un’altra giovane donna: Polina Kochelenco. La 35enne sarebbe annegata nel tentativo di salvare uno dei suoi cani. Ma i tre animali non sono mai stati ritrovati.

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui