Mario Draghi rilancia: per alcune persone è in arrivo un doppio Reddito di Cittadinanza

0
209
Fonti ed evidenze: Giornale, Quotidiano di Sicilia

Per molti italiani il Reddito di Cittadinanza raddoppierà a partire da settembre. Vediamo chi saranno i fortunati che riceveranno un doppio accredito.

Getty Immages/Filippo Monteforte

Nonostante le indagini della Guardia di Finanza continuino a scovare continui furbetti del Reddito, a settembre il sussidio raddoppierà. Infatti, oltre alla consueta mensilità, in molti casi si aggiungerà l’ assegno unico temporaneo: un sussidio transitorio previsto per quei nuclei familiari che hanno maturato i requisiti di legge relativi ai figli minorenni. L’assegno verrà elargito in base al numero dei figli. L’importo non sarà uguale per tutti ma differirà a seconda che in famiglia ci siano uno o due figli minori o almeno tre figli minori.  In quest’ultimo caso – famiglia con tre o più figli minorenni – se si presenterà un’Isee inferiore ai 7mila euro annui, l’importo dell’assegno verrà ulteriormente aumentato del 30%. Al contrario, più l’Isee aumenta più il sussidio decresce. Per poterne beneficiare, in ogni caso – a prescindere dal numero di figli minorenni a carico – non si possono superare i 50mila euro l’anno.  Nell’ipotesi che i figli minori siano anche diversamente abili, l’assegno aumenterà di 50 euro per ogni figlio con problemi. In caso di genitori separati legalmente o divorziati con affido condiviso, il pagamento è diviso al 50 per cento tra i due genitori, oppure effettuato all’unico genitore richiedente in presenza di un accordo tra di loro.

Hanno diritto al sussidio i lavoratori autonomi, i disoccupati, i coltivatori diretti, i mezzadri e i titolari di pensione da lavoro autonomo. Per ottenere il beneficio sarà necessario inoltrare la domanda online sul sito dell’Inps, allegando una dichiarazione Isee aggiornata. È indispensabile possedere o l’identità digitale Spid o la carta d’identità elettronica, Cie. In alternativa, per i cittadini poco avvezzi ad usare Internet, si potrà usufruire del Contact center integrato, chiamando il numero verde 803 164  o il numero 06 164 164, da rete mobile. Infine, per chi riscontrasse problemi nel presentare domanda, ci si potrà rivolgere ai patronati.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui