“Non vaccino le gestanti senza il consenso del loro ginecologo”. E l’Ordine dei Medici reagisce immediatamente

0
45
Fonti ed evidenze: Corriere della Sera, Resto del Carlino

Un medico ha rifiutato di inoculare il vaccino anti Covid ad una donna in gravidanza senza il nulla osta del suo ginecologo. Ed è scoppiata la bufera.

Getty Immages/ Franklin Jacome

Le antiche tradizioni polari volevano che le donne incinte non potessero essere vaccinate né assumere farmaci poiché non si sapeva se avrebbero potuto causare danni al nascituro. Ma oggi tutto è cambiato e, anzi, sono proprio gli esperti che raccomandano di somministrare il vaccino anti Covid alle future mamme.  Secondo gli esiti di una ricerca condotta negli Stati Uniti, vi è infatti un aumento fino al 60% del rischio di parto prematuro nelle donne affette da Covid. Dunque meglio vaccinarle anche se – ricordiamo – il vaccino non impedisce di contrarre l’infezione. Al massimo impedisce che la malattia evolva in forma grave e diminuisce le possibilità di finire in terapia intensiva o morire. Non doveva pensarla così, però, il medico che si è rifiutato di vaccinare una donna in gravidanza senza il consenso del ginecologo. E’ accaduto a Venezia e, dopo le proteste della futura mamma,  l’Ussl Serenissima ha inviato un richiamo formale al dottore esortandolo al rispetto delle linee guida e la futura mamma è stata vaccinata.

I centri vaccinali dell’Ulss 3 Serenissima hanno vaccinato in questo periodo numerose donne in stato di gravidanza le quali – puntualizzano gli operatori sanitari  – quando si presentano negli hub vaccinali, vengono sottoposte all’anamnesi da parte del medico vaccinatore. Quest’ultimo, dopo averne valutato l’idoneità, procede con la vaccinazione. Pertanto, secondo le linee guida, non c’è alcun bisogno dell’autorizzazione del ginecologo che segue la donna durante i nove mesi ma è sufficiente una rapida anamnesi da parte del medico di turno. Chiedere il nulla osta da parte del ginecologo, secondo l’Ulss Serenissima non è stato un gesto di estrema prudenza ma è stata “un‘iniziativa arbitrariada cui la struttura prende le distanze. Il professionista è stato immediatamente richiamato all’Ordine e al rigoroso rispetto delle linee guida ufficiali.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui