Piacenza, il padre porta le bimbe in vacanza al Paese di origine: tornano infibulate

0
239
Fonti ed evidenze: TgCom24, Giorno

Orrore a Piacenza: scoperto un caso di due sorelline infibulate durante una vacanza nel Paese di origine dei genitori.

Getty Immages/Aminu Abubakar/archivio

In Italia l‘infibulazione – una mutilazione realizzata con una cucitura sui genitali, pratica che rende molto dolorosi i rapporti sessuali –   è punita secondo la legge del 9 gennaio 2006 e prevede pene fra i 4 e i 12 anni. Non si tratta solo di “danno morale” ma di lesioni gravi e permanenti sul corpo femminile. Ad oggi questa pratica è ancora piuttosto diffusa in alcuni Paesi come Egitto, Somalia, Corno d’Africa e Yemen, Guinea a Mali, sud est asiatico e ultimamente Nigeria. Spesso sono proprio le madri o i padri che portano le figlie a questo “patibolo” per paura che, una volta adulte, nessun uomo voglia prenderle in moglie. La pratica  viene eseguita dagli 8 giorni ai 12 anni di vita.

Essendo punita per legge in Italia, molti immigrati che risiedono qui da anni ma ancora profondamente ancorati a certe tradizioni, portano le loro figlie nei loro Paesi di origine per farle mutilare. Ed è quanto accaduto a Piacenza dove due sorelline, figlie di una famiglia di migranti, sono state infibulate durante un soggiorno nel Paese d’origine dei genitori e la vicenda è finita in Procura. Nello specifico, in questo caso, era stato solo il padre a stabilire che le due piccole dovessero essere sottoposte a tale pratica, la madre ne era all’oscuro e una volta scoperto il tutto non ha esitato a denunciare il marito.

E non è purtroppo un caso isolato: dall’inizio dell’anno le ginecologhe dei consultori familiari dell’Ausl di Piacenza e provincia hanno visitato una decina di donne che avevano subito una infibulazione. Quest’ennesima vicenda che vede coinvolte due bimbe incapaci di decidere per sé e sottoposte all’autorità genitoriale, ha suscitato indignazione in alcuni esponenti della politica che hanno tirato in causa anche la situazione dell’Afghanistan: “Quando ci indigniamo per la condizione della donna in Afghanistan, spesso ci dimentichiamo che i talebani li abbiamo da tempo anche in casa anche se non piace parlarne per non turbare il clima politicamente corretto e la narrazione multiculturalista” – hanno commentato le deputate della Lega Elena Murelli, eletta a Piacenza, e la parmigiana Laura Cavandoli, presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sulle attività connesse alle comunità di tipo familiare che accolgono minori.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui