Chiara Ferragni liquida i soci e la sorella con 50 euro. Ma c’è chi le ha chiesto di più

0
67

Il 21 giugno Chiara Ferragni ha liquidato la sorella Valentina e altri soci per diventare l’unica azionista, con una cifra simbolica di 50 euro. C’è chi non si è accontentato e Chiara ha dovuto pagare un prezzo più alto.

Chiara Ferragni liquida soci e sorella
Profilo Instagram Chiara Ferragni

Lo scorso 21 giugno, l’imprenditrice e influencer Chiara Ferragni ha deciso di liquidare i soci delle sue srl per prendere in mano da sola le redini delle società, in tutto e per tutto. Per riacquistare le quote e rimanere la sola azionista, Chiara ha dovuto “cacciare” via tutti gli altri soci, tra cui la sorella minore Valentina Ferragni che deteneva lo 0,5% nella Sisterhood srl di Milano. Un altro ad essere stato escluso è il manager di fiducia e caro amico di Chiara, Fabio Salvatore Maria Damiano. Tutti e due gli ex soci, hanno ricevuto una liquidazione (veramente) simbolica di 50 euro.

Lo stesso 21 giugno, la Ferragni ha voluto riacquistare le quote anche di un’altra sua società: la Tbs crew srl, la società di The Blonde Salad, nome noto come primo blog della famosa imprenditrice di Cremona. Il socio in questione, l’imprenditore barese Pasquale Morgese, che ha sempre prodotto per Chiara le Chiara Ferragni shoes, non ha accettato però il gesto simbolico, tantomeno la semplice liquidazione del valore nominale della quota, che sarebbe ammontata a 4.500 euro. Una cifra già molto distante dai 50 euro che si è beccata Valentina.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Chiara Ferragni ✨ (@chiaraferragni)

Per le quote di Morgese, Chiara ha dovuto pagare un prezzo più alto. L’uomo, socio di minoranza dal 2018, da quando è subentrato al posto dell’ex fidanzato di Chiara, Riccardo Pozzoli, aveva già avuto discrepanze con l’imprenditrice, soprattutto dopo l’arrivo della pandemia di Covid-19 che, dato il lockdown e le varie problematiche che il coronavirus ha portato al nostro paese e a tante società e aziende, ha fatto ribassare il compenso ricevuto solitamente da Morgese.

Essendo Pasquale Morgese socio al 45% della Tbs Crew srl, il pagamento per le sue quote è arrivato a un milione tondo tondo di euro. Chiara ha versato quattro assegni circolari da 250 mila euro ciascuno, non trasferibili, diretti nelle tasche di Morgese. Non sono certo i 50 euro dati simbolicamente alla sorella, ma almeno ora Chiara non deve tener conto di nessuno, e festeggia il suo 100% di quote azionarie. 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> E’ dislessico e ha problemi nel fare i calcoli, ma ora Khaby è sopra Chiara Ferragni “Non ponetevi limiti”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui