La nomade vista a Milano con una bimba somigliante a Denise ha finalmente un nome

0
376
Fonti ed evidenze: Giornale, Fatto Quotidiano

L’ormai famigerato video girato da una guardia giurata a Milano nel 2004 che ritrarrebbe Denise insieme ad una donna torna di attualità.

Danas. Denise 11 giugno 2021 leggilo.org

Vive nel rimorso la guardia giurata milanese che nel 2004 è convinta di aver ripreso proprio Denise Pipitone, chiamata però Danas dalle donne di etnia rom che si trovavano insieme a lei nei pressi di una banca nel capoluogo lombardo. Ma forse, l’uomo che rimpiange di non essere intervenuto quella volta perchè il suo ruolo non glie lo permetteva potrebbe aver comunque impresso una svolta decisiva alle indagini proprio con il suo video: ne sono convinti gli investigatori che annunciano un’importante novità nel caso: Mariana, una ragazza di origine romena, ha riconosciuto una delle donne con Danas – o forse proprio Denise – inquadrata chiaramente nel video girato dalla guardia giurata. “Potrebbe essere una segnalazione molto interessante quella che è arrivata da una ragazza. Lei dice di aver incontrato questa donna, una nomade, che era in compagnia di una ragazzina. All’epoca dei fatti questa ragazzina si trovava a Parigi”, dicono i magistrati.

Mariana si trovava infatti in Francia quando conobbe la donna in questione, cresciuta in Italia e chiamata Florina. Secondo la testimonianza della giovane romena, Florina avrebbe avuto una bambina piccola che – per sua stessa ammissione – non ricordava nulla della famiglia originaria. I fatti risalgono al 2018 quindi – se le supposizioni degli inquirenti si rivelassero corrette – questo significherebbe che Florina avrebbe tenuto Denise per almeno 14 anni chiamandola sotto il falso nome di Danas. “Anche la bambina parlava italiano”, garantisce Mariana che ha deciso di parlare con gli investigatori quando ha rivisto il video girato a Milano nel 2004. Per il momento, la pista è ancora da verificare e soprattutto Florina non è stata individuata per un interrogatorio ma si tratta comunque di una testimonianza molto importante che potrebbe aggiungere un tassello importante alla scomparsa di Denise Pipitone.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui