Lucca, bambina di 40 giorni in arresto respiratorio: aveva cocaina e metadone nel sangue

0
215
Fonti ed evidenze: Repubblica, ANSA

La Procura di Lucca sta indagando sul coma per arresto respiratorio della piccola di 40 giorni portata al pronto soccorso dai genitori.

metadone-bambina

Getty Images / Hristo RusevLa sera dell’11 marzo è stata portata al pronto soccorso dell’ospedale San Luca, di Lucca una bambina di 40 giorni, i giovani genitori avevano dichiarato di averla trovata nel suo letto con difficoltà respiratorie. Fin da subito è risultato però chiaro che la situazione era gravissima. La bambina era infatti in coma per arresto respiratorio, subito intubata, è stato deciso di portarla d’urgenza all’ospedale Cisanello di Pisa per effettuare ulteriori controlli ed accertamenti per capire le cause del crollo respiratorio e capire la situazione clinica della bambina e cercare di salvare la vita. Sul corpicino non erano presenti infatti segni di traumi per giustificare le condizioni della piccola.

Da qui la scoperta data dalle analisi del sangue e delle urine, la bambina aveva infatti un tasso di metadone nel sangue pari a 1.644 nanogrammi per millilitro, 16 volte sopra il limite, e di cocaina pari a 74, per entrambi gli stupefacenti si risulta positivi se il dato è superiore a 100. E’ stata quindi aperta subito l’indagine da parte della questura di Lucca e sono stati contattati i genitori per capire il nesso con le droghe trovate nel corpo della piccola, ma dalle prime domande non era emerso nessun nesso volontario, o involontario. E’ apparso però subito chiaro che il metadone sia stato somministrato alla bambina tramite un biberon dato che la madre non allatta la figlia.

Al momento è indagata la madre, probabilmente era lei ad allattare la bambina di 40 giorni, per capire se la somministrazione sia stata intenzionale o meno. La Squadra Mobile sta cercando di fare chiarezza nella vita dei genitori e sono stati effettuati i primi esami tossicologici. Si cerca di ricostruire quindi il quadro familiare e da dove provenissero le droghe ritrovate nel sangue della bambina che al momento si trova fuori pericolo. La fase critica sembra infatti essere stata scongiurata e finalmente è tornata a respirare in autonomia.  Le indagini proseguono quindi per capire le modalità della somministrazione degli stupefacenti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui