Cade mentre sta lavorando, Giorgia lascia due figli piccoli

0
673
Fonti ed evidenze: Messaggero, Quotidiano della Puglia

Giorgia Sergio, impiegata presso una ditta di pulizie è deceduta in un incidente fatale. Ora le indagini stabiliranno se la tragedia accaduta a Matrignano era evitabile.

 

E’ morta dopo tre giorni a causa delle ferite riportate nella caduta Giorgia Sergio, la giovane impiegata presso una ditta di pulizie che era stata trasportata urgentemente in ospedale a causa delle lesioni giudicate subito molto gravi. La donna, 27 anni madre di sue bambini, stava lavorando come ogni giorno presso un locale quando – per ragioni ancora da accertare – ha perso l’equilibrio ed è caduta, colpendo uno dei tavolini che si trovavano attorno a lei: un tremendo incidente come quello che ha sconvolto il comune calabro di Monasterace nemmeno una settimana fa, portandosi via una giovane che stava accendendo il camino di casa. L

L’incidente, si è verificato mentre la donna stava pulendo il locale di Calimera nel comune di Matrignano dove era impiegata. Per raggiungere un’area sopraelevata, Giorgia si era procurata una scala e si era inerpicata su di essa, sporgendosi per lavorare. Forse la giovane ha perso l’equilibrio o forse la scala non era perfettamente stabile, fatto sta che la 27enne è improvvisamente caduta a terra. Ma ad essere fatale non è stato il volo giù dalla scala in se quanto l’impatto con un mobile vicino: infatti, Giorgia ha battuto la testa contro lo spigolo di un tavolino del locale che si trovava proprio dietro la scala: i medici hanno fatto il possibile ma non c’è stato nulla da fare per salvarla. Adesso, gli investigatori stabiliranno se si tratta di un incidente tragico quanto inevitabile o se c’era qualcosa da fare per prevenirlo, ad esempio se i tavolini non erano stati rimossi da qualcuno o se la scala non era sicura. La donna lavorava ormai da tempo per la stessa ditta che le aveva fornito un regolare contratto a tempo indeterminato.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui