Jasmine Carrisi, la confessione che stupisce: “Soffrivo, ma ora me ne frego”

0
146

Jasmine Carrisi è stata ospite a Verissimo da Silvia Toffanin ed ha raccontato alcuni aspetti della sua vita che hanno davvero stupito tutti

Jasmine Carrisi

La figlia di Al Bano e Loredana Lecciso è stata ospite a Verissimo, nel salotto di Silvia Toffanin nel suo programma del sabato pomeriggio. Tanti gli argomenti trattati dalla giovane artista che sembra avere le idee molto chiare ed un carattere forte. A soli 20 anni infatti già si parla di lei come un artista che potrebbe crescere molto nei prossimi anni. Le doti artistiche di certo non le mancano, e con un padre come Al Bano si può sperare per lei in una carriera piena di successi.

Come detto di personalità ne ha da vendere, e lo si apprende quando inizia a parlare con la Toffanin del suo rapporto con i genitori. Confessando che sia la madre che il padre sono molto moderni, e lo capisce da come reagiscono quando in macchina le fa ascoltare musica rap.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Jasmine Carrisi (@jasminecarrisi)

Jasmine Carrisi a Verissimo ha anche dichiarato anche che la madre è molto più ansiosa del padre e che non ha mai avuto problemi con loro. Del rapporto con i fratelli figli di Romina e non della mamma, in recenti interviste ha raccontato di aver un buon dialogo con Yari, che spesso è stato prezioso per lei per alcuni consigli musicali. Nell’intervista con la Toffanin, la giovane ha anche parlato di come si vive da figlia di personaggi famosi. “All’inizio ci soffrivo molto” ha dichiarato. “Ma adesso ho imparato a fregarmene” ha continuato, facendo capire di aver ormai la maturità giusta per poter affrontare anche nuove situazioni senza avvertire la pressione di essere “figlia di”.

In recenti interviste ha anche dichiarato di voler essere apprezzata per il suo valore e non per il nome e cognome dei genitori. Anche per questo motivo ha dichiarato di non aver preso mai in considerazione l’idea di partecipare al Festival di Sanremo in coppia con il padre. Ma di preferire un percorso indipendente e più gratificante.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui