Frana a Bolzano, hotel seppellito sotto i detriti: i soccorritori cercano superstiti

0
440
Fonti ed evidenze: Stampa, Messaggero

A Bolzano una frana ha improvvisamente travolto l’hotel Eberle, seppellendolo sotto neve e detriti: secondo i soccorritori, la struttura forse ospitava delle persone.

Disastro in Alto Adige dove una frana ha travolto l’hotel Eberle a Bolzano. Sul luogo si stanno recando le squadre di soccorso. L’albergo si trova sui pendii del Monte Tondo a una settantina di metri sopra la città, nei pressi delle famose passeggiate di Sant’Osvaldo. A quanto risulta parte della struttura è crollata. A causare il disastro sarebbe stato un improvviso smottamento nella parete rocciosa su cui si erge la struttura, di proprietà della famiglia Zisser: stando alle prime ricostruzioni di chi è arrivato sul posto per verificare la situazione, grosse rocce si sarebbero staccate dalla parete del Monte Tondo, la celebre montagna che – se percorsa – porta all’altopiano del Renon, meta di tanti scalatori nel periodo turistico. Il crollo sarebbe avvenuto intorno alle 15:15 di oggi.

La frana avvenuta a Bolzano – secondo quanto riferiscono i soccorritori – ha totalmente demolito un’ala della costruzione, costringendo i soccorritori a bloccare completamente il transito nell’area, monitorando il Monte Tondo nel caso un nuovo smottamento dovesse causare ulteriori danni e rischi per i civili. L’hotel Eberle è chiuso a causa del Coronavirus e dovrebbe essere disabitato, ciononostante, i soccorritori non possono ancora escludere che qualcuno – forse personale di sorveglianza o addetto ai lavori per l’hotel – si trovasse nell’edificio al momento del disastro naturale: “Stiamo monitorando la zona”, fa sapere un responsabile della squadra di soccorso. Un disastro naturale che poteva avere conseguenze molto più gravi se l’hotel fosse stato al completo, come è successo in altre occasioni nel paese. Stando ai soccorritori, si tratterebbe però di un crollo “annunciato”: “Ci sono già state frane di piccole dimensioni nell’area”, fanno sapere i membri della squadra che sta monitorando la zona. Alcuni piccoli smottamenti nell’area della passeggiata di Sant’Osvaldo nei giorni scorsi hanno portato le autorità a chiudere i sentieri al pubblico. Adesso, la situazione resta in bilico, sia per quanto riguarda ulteriori, possibili crolli, sia per l’eventuale ritrovamento di vittime nell’area.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui