Reddito di Cittadinanza, un salasso da 26 miliardi di euro: e Lugi Di Maio ha compreso che non funziona

0
447
Fonti ed evidenze: Corriere della Sera, Foglio

Nei giorni scorsi il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha aperto alla possibilità di apportare modifiche al Reddito di Cittadinanza. I dati, fin qui, certificano che la misura non ha ottenuto i risultati che perseguiva. 

Il Reddito di Cittadinanza non funziona, Di Maio: Possibili modifiche
Luigi Di Maio/Facebook Luigi Di Maio

Chissà che non siano in arrivo importanti novità per quel che riguarda il Reddito di cittadinanza. La misura, cavallo di battaglia del Movimento 5 Stelle, è stata recentemente oggetto di critiche da parte di quel Luigi Di Maio che ne è stato, a tutti gli effetti, il padre politico. Nei “Dieci punti per una svolta” pubblicati sul quotidiano Il Foglio – che tanto sono piaciuti anche all’ex rivale storico Renato Brunetta – sono state evidenziate le criticità nel funzionamento del Reddito aprendo a possibili modifiche. Quando è stata concepita, la misura in questione si poneva un duplice, ambizioso obiettivo: da una parte intervenire in modo forte per combattere le situazioni di indigenza, dall’altra riattivare il mercato del lavoro, considerato il vero punto d’origine della condizione di povertà che riguardava – e per la verità continua, sempre di più, a riguardare – milioni di italiani. Per sostenere questo tipo di intervento, il budget previsto dal Movimento era di 16 miliardi di euro: una parte da erogare direttamente in forma di sussidio, l’altra da destinare al rafforzamento dei Centri per l’impiego. Un meccanismo che, però, non ha portato i risultati sperati. In effetti il malfunzionamento dei Centri per l’impiego nel nostro Paese affonda le radici indietro negli anni e non può essere risolto soltanto con un maggiore stanziamento di fondi. Soprattutto perché per migliorare veramente i dati relativi all’occupazione non è sufficiente intervenire sull’offerta, ma bisogna agire sulla cronica debolezza della domanda di lavoro.

Come se non bastasse, il risultato elettorale del 2018, non è stato sufficiente a garantire la Maggioranza del Movimento fondato da Beppe Grillo, con la più ovvia  delle conseguenze: la nascita di un Governo di coalizione, all’interno del quale anche la Lega ha spinto per far sentire la propria voce. E così, a braccetto con il Reddito di Cittadinanza, ecco che l’Esecutivo giallo-verde decise di varare anche Quota 100. La cifra complessiva a disposizione di questi due provvedimenti, però, è rimasta la stessa: 16 miliardi totali, facendo sì che la misura che avrebbe dovuto abolire la povertà vedesse dimezzato lo stanziamento a disposizione: 6 miliardi, cui si aggiunsero altri 2 miliardi per rifinanziare il Reddito di inclusione, ereditato dal precedente Governo guidato da Paolo Gentiloni.

Agli ostacoli iniziali si sono poi sommate, strada facendo, ulteriori difficoltà: su tutti la mancata collaborazione tra Governo centrale ed enti locali. Il risultato ottenuto, tra errori di valutazione, problematiche strutturali, complicazioni in fase di attuazione, è infine ben magro. Del RdC hanno beneficiato 1,1 milioni di famiglie, per 3,1 milioni complessivi di cittadini. Tra questi, sono appena 200 mila gli italiani che – non è chiaro se autonomamente o attraverso i centri per l’impiego – hanno nel frattempo trovato lavoro. Tanto che all’interno dello stesso Movimento 5 Stelle sono iniziate a fioccare valutazioni sulla possibilità di rimodulare il tipo di intervento. Se non venisse modificato il RdC potrebbe costare all’Erario per il triennio 2020- 2023 qualcosa come 26 miliardi di euro: un cifra certo non sostenibile nell’Italia ai tempi del Covid. Siamo alla resa dei conti, dunque, e tra quelli che l’hanno compreso c’è anche il Ministro degli Esteri. Il problema ora  sarà quello di salvare la borsa senza perdere la faccia.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui