Home Politica Politica migratoria del Governo al capolinea. E danno fuoco al barcone degli...

Politica migratoria del Governo al capolinea. E danno fuoco al barcone degli sbarchi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:07
CONDIVIDI

A Favara è stato incendiato “El Peskator”, barcone con cui nel 2013 erano arrivati in Sicilia diversi migranti, eretto poi nel 2015 a simbolo dell’accoglienza.

El Peskator non c’è più. A Favara – in provincia di Agrigento – Il barcone dei migranti simbolo di accoglienza è stato distrutto questa notte da un incendio che si presume sia stato di origine dolosa. Nel 2013 – riporta la Repubblicaaveva trasportato diversi migranti sulla coste della Sicilia e nel 2015 Fra’ Francesco Maggiore, dell’ordine dei Frati Minori del convento di Sant’Antonio, aveva deciso di collocare l’imbarcazione nella piazza del belvedere San Francesco come simbolo di accoglienza e fraternità. Sul barcone inatti era scritto: “Ero straniero, mi avete accolto”. Il sindaco di Favara Anna Alba era subito intervenuta per commentare l’accaduto e dichiarando che sperava si sia trattato di un atto vandalico e non di un gesto spinto da motivi razzisti. E, dalle prime ricostruzioni, infatti parrebbe che le motivazioni non abbiano nulla a che vedere nè con il vandalismo né con l’intolleranza verso gli immigrati.  Le forze dell’ordine – riferisce SkyTg24 –  sono già alla ricerca degli autori del gesto e, dalle prime indagini, il principale indiziato sembrerebbe essere una persona con problemi psicologici.

In questi giorni in Sicilia sta crescendo la preoccupazione per i continui sbarchi di migranti spesso positivi al Covid. Lampedusa – che ha raggiunto la soglia di ben 1400 migranti – ha lanciato l’ennesimo grido di aiuto al Governo. Il sindaco Totò Martello ha scritto una lettera al Premier Giuseppe Conte per spingerlo ad intervenire e a svuotare l’hot spot dell’isola. Mentre i sindaci di Trapani e di Augusta – rispettivamente in quota PD e Cinque Stelle – si stanno “ribellando” all’Esecutivo gMallorosso impedendo lo sbarco dei profughi e del personale dalla nave quarantena Aurelia a bordo della quale i casi di Covid accertati sono almeno una ventina.

Samanta Airoldi

Fonte: Repubblica, SkyTg24