Home Cronaca Migrante si lancia dalla nave in quarantena e muore

Migrante si lancia dalla nave in quarantena e muore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:41
CONDIVIDI

Un uomo tunisino si è lanciato dalla nave-quarantena messa a disposizione dalla Protezione Civile. L’uomo, ritrovato qualche ora più tardi, aveva indossato un salvagente, motivo che ha lasciato ipotizzare agli inquirenti che si sia lanciato dalla nave per tentare la fuga. Aperta un’inchiesta dalla Procura di Agrigento. 

Migrante si lancia dalla nave quarantena Moby Zaza e muore: aperta inchiesta ad Agrigento - Leggilo.org

E’ finita in tragedia il tentativo di fuga – questa al momento l’ipotesi più accreditata – di un migrante tunisino dalla nave-quarantena Moby Zazà. L’uomo si è lanciato, nella notte di ieri, come spiega Fanpage, dal ponte 6 della nave su cui era obbligato all’isolamento, da un’altezza di circa 15 metri. Il corpo del migrante è stato trovato dalle motovedette della Guardia Costiera e della Guardia di Finanza qualche ora dopo, circa le 4 del mattino, arenato sulla battigia di San Leone a Porto Empedocle, in provincia di Agrigento. La nave – la seconda dopo la Rubattino – è stata messa a disposizione dalla Protezione Civile e dal Ministero dell’Interno per la quarantena di 121 migranti, i quali sono divisi in due gruppi: uno da 53 e l’altro da 68. A bordo della nave ci sono 35 operatori sanitari forniti dalla Croce Rossa Italiana. La Moby Zaza si era avvicinata a Porto Empedocle, proveniente dall’isola di Lampedusa, per ragioni logistiche legati ai rifornimenti e allo smaltimento dei rifiuti a bordo.

Come aggiunge Adnkronos, secondo la prima ricostruzione degli inquirenti, non si tratterebbe di un suicidio: il giovane aveva addosso un giubbotto salvagente e ha cercato di nuotare sino alla riva. Nella notte scorsa però il mare era molto agitato –  la Capitaneria di Porto ha segnato un forza 4 – e l’acqua era molto fredda. Inoltre l’uomo ha probabilmente riportato ferite dalla caduta di oltre 15 metri dal ponte più alto della nave. La Procura di Agrigento, con il sostituto procuratore Sara Vazzi, ha aperto un’inchiesta sul caso e sulle condizioni in cui operano i sanitari a bordo della nave.

 

Fonte: Fanpage, Adnkronos

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]

Fanpage, Adnkronos