Home Cronaca “Silvia ha deciso di andare dove le autorità l’avevano sconsigliata di andare”...

“Silvia ha deciso di andare dove le autorità l’avevano sconsigliata di andare” dice Flavio Briatore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:29
CONDIVIDI

Silvia Romano, rapita in Kenia nel 2018, torna dopo quasi due anni a casa. Tanti sono però i commenti degli italiani, contrari alla conversazione all’Islam.

Due giorni fa, il 10 Maggio 2020, Silvia Romano è atterrata all’aeroporto di Fiumicino rifugiandosi subito nelle braccia della madre in lacrime. La 24enne era stata rapita il 20 novembre del 2018 in Africa, dove era tornata come volontaria a seguito di una prima esperienza estiva. La seconda volta non si è rivelata fortunata, assumendo connotati tragici: Silvia è rimasta sotto il controllo dei sequestratori e lontano dalla famiglia per 18 mesi.

ìL’Italia si è subito divisa in due fazioni: a disturbare molti è la nuova veste della ragazza che si presenta come Aisha e racconta di essersi convertita leggendo il Corano durante i mesi di prigionia. Critico è stato Flavio Briatore, imprenditore e dirigente sportivo italiano parlando a L’Aria che tira su La7“L’unica cosa di cui non sono contento è che quando scende dall’aereo con quella palandrana che rappresenta Al Shabaab e le donne di Al-Shabaab non mi sembra una grande pubblicità”. Sono parole dure in cui si rispecchia la disapprovazione di tanti altri. Sulla conversione della ragazza si pronuncia senza peli sulla lingua e riferendosi al noto gruppo terroristico colpevole della cattura dice: “Si è convertita ad Al-Shabaab, non all’Islam. C’è una bella differenza”. 

L’imprenditore però non è l’unico a essersi dichiarato scettico e tra le tante voci ricordiamo Maryam Ismail, antropologa della comunità somala di Milano, che esprime la propria opinione: come racconta il Giorno, la donna non ritiene la sua conversazione come “una scelta di libertà,” perché “non può esserlo stato in quella situazione.”. Scegliere una fede è qualcosa di intimo e personale, ma soprattutto di bello e che quindi non può ricollegarsi all’esperienza drammatica che ha vissuto. “Si riesce soltanto a immaginare lo spavento, la paura , l’impotenza, la fragilità e il terrore in cui ci si viene a trovare? Certamente no” e conclude” Comprendo tutto di Silvia. Al suo posto mi sarei convertita a qualsiasi cosa pur di resistere, per non morire.”

La risposta di Silvia: “Ho chiesto io il Corano”

Dopo le numerose accuse e supposizioni, a rispondere è proprio Silvia – scrive il Corriere: racconta di aver chiesto ai suoi carcerieri un quaderno per appuntare ogni dettaglio e spostamento, ed è proprio così che riesce a ricostruire con precisione ogni istante della prigionia. Quando parla è tranquilla, esprime serenità e non mostra dolore nel tono di voce: ricorda i momenti della cattura, quando tre uomini l’hanno potata a 80 chilometri dal villaggio Chakama in cui si trovava, e confessa i pianti che l’hanno accompagnata nel primo mese. Poi è arrivata la calma: “Mi hanno detto che non mi avrebbero fatto del male, che mi avrebbero trattata bene,” afferma e poi continua: “Stavo sempre in una stanza da sola, dormivo per terra su alcuni teli. Non mi hanno picchiata e non ho mai subito violenza. Non sono stata costretta a fare nulla”. Solo un uomo, dice, parlava inglese ed è a lui che ha chiesto il Corano: l’ha fatto di sua spontanea volontà e senza obblighi. E’ lì che è iniziato il percorso che l’ha portata alla conversione: “Sono sempre stata chiusa nelle stanze. Leggevo e scrivevo.”

Ma la presenza della ragazza nel villaggio in cui è stata rapita a suscitare perplessità. Sul punto Briatore ha commentato “Conosco la Ong Africa Milele – per cui Silvia lavorava, ndr-  con cui è arrivata, ma lei ha deciso di unirsi ad un gruppo e andare a Chakama un posto più isolato, forse voleva sentirsi più libera, nonostante le autorità l’avessero sconsigliata di recarsi in quelle zone. Se vai in certi posti è inevitabile che avrai dei problemi“, ha concluso.

Simona Contaldi

Fonte: La7, Giorno, Corriere

 

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]