Home Politica Nicola Zingaretti “Se il M5S non cambia come dico io farò cadere...

Nicola Zingaretti “Se il M5S non cambia come dico io farò cadere il Governo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:56
CONDIVIDI

Il segretario nazionale del PD Nicola Zingaretti minaccia di far cadere il Governo se gli alleati Cinque Stelle decideranno di non correre insieme nelle altre regioni. Intanto all’interno del suo stesso partito molti già pensano a sostituirlo.

Zingaretti critica il Movimento - Leggilo.Org

 

O l’alleanza è solida oppure non ha senso portare avanti questo Governo. In questo momento i Cinque Stelle si meritano un 4 in quanto a condotta politica“. Queste – riferisce Adnkronos – sono state le parole del segretario Dem Nicola Zingaretti ai microfoni di Radio Capital. L’esperienza fallimentare in Umbria ha scosso gli alleati giallorossi. Infatti non solo hanno dovuto prendere atto della sconfitta clamorosa del loro candidato Vincenzo Bianconi ma hanno dovuto fare i conti anche con un evidente perdita di consensi. Il Partito Democratico di Zingaretti  è passato dal 24% al 22%. E – come ha riportato AgenPress – il M5S di Luigi Di Maio è andato sotto la soglia del 10%, sotto a FDI di Giorgia Meloni e appena poco sopra a FI di Silvio Berlusconi. Per questa ragione Luigi Di Maio, immediatamente dopo i risultati delle elezioni regionali – riferiva Dire – aveva commentato: “Questo esperimento è fallito. Porteremo avanti il Governo ma non correremo più insieme al PD nelle regioni. Il M5S deve correre da solo se vuole vincere“. Ma per Nicola Zingaretti queste parole non hanno senso: “Anche se abbiamo perso noi siamo l’unica alternativa alla Lega di Matteo Salvini. E dobbiamo restare uniti. Non ha senso restare uniti a governare la Nazione e poi correre separatamente nelle Regioni. A questo punto meglio far cadere il Governo.” E se il governo dovesse cadere, Zingaretti sembra non avere dubbi su chi appoggiare “Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte  ha lavorato bene“. Dunque, a meno di 2 mesi dalla nascita del nuovo esecutivo le carte in tavola sembrano essere state ribaltate. Se in principio Giuseppe Conte poteva contare sull’appoggio dei Cinque Stelle ora questi ultimi sembrano vedere in lui una presenza ingombrante di cui, forse, sarebbe meglio sbarazzarsi. Mentre può contare sul sostegno di Zingaretti che, inizialmente, non lo voleva.
Anche per il leader di Italia Viva Matteo Renzi, Nicola Zingaretti non ha certo parole dolci “Matteo Renzi dovrebbe pensare di più al bene dell’Italia e meno a se stesso“. Parere condiviso da molti all’interno del PD. Solo un paio di settimane fa il Sindaco di Milano Giuseppe Sala aveva definito Renzi “una primadonna“. Da settimane ormai a Palazzo Chigi circolano voci sull’intenzione di Matteo Renzi di far cadere il Governo per riprendersi il posto di Premier. E la sconfitta in Umbria degli alleati PD – M5S potrebbe avergli fornito l’occasione perfetta. Molti parlano di un possibile tracollo dei giallorossi prima delle regionali in Emilia Romagna che si terranno a gennaio 2020.

Ma, colpo di scena, ora potrebbe essere proprio lo stesso Nicola Zingaretti a voler far cadere il Governo. E per ragioni che nulla hanno a che vedere con i Cinque Stelle. Infatti le minacce al suo trono non provengono solo dall’esterno. Anche all’interno del PD molti ambiscono a prendere il suo posto. Tra questi il Sindaco di Bergamo Giorgio Gori, che si vede già a capo della segreteria nazionale. Mentre i deputati Dem Luca Lotti e Lorenzo Guerini, a quanto pare, stanno organizzando una nuova corrente riformista in seno al Partito. E anche lo stesso candidato appoggiato dal PD in Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, sembra pretendere di più del semplice ruolo di Presidente di Regione e volersi sostituire a Zingaretti. Un attacco su tutti i fronti, quindi. A cui si aggiunge la pressione di molti esponenti Dem che, dopo la sconfitta umbra, chiedono al segretario d’indire un congresso per gennaio 2020 per rinnovare il Partito. “Serve urgentemente un congresso, ma un congresso vero, anche con candidature alternative a Nicola Zingaretti”. Queste sono state le parole di Andrea Orlando, vice segretario del Partito Democratico, come riporta Affaritaliani.
Per tutta risposta  Nicola Zingaretti, sulla sua pagina Facebook scrive “Andrò a Poggibonsi a bermi una birra con un gruppo di ragazzi che vogliono propormi idee nuove. O si cambia registro o meglio che il Governo cada“.

Domani sarò a Poggibonsi: un gruppo di giovani mi ha contattato con idee e proposte per l’Italia. Passeremo il pomeriggio insieme bevendo una birra, perché il Pd sta dove c’è voglia di futuro 🍻

 

Fonte: Adnkronos, AgenPress, Dire, Affaritaliani, Nicola Zingaretti Facebook.

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]