Home Estera Porti aperti, il Parlamento Europeo vota contro Carola Rackete: “Non sono un...

Porti aperti, il Parlamento Europeo vota contro Carola Rackete: “Non sono un diritto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:26
CONDIVIDI

Il Parlamento europeo ha bocciato la risoluzione sui salvataggi in mare che prevedeva che gli Stati membri mantenessero i Porti aperti per le navi ONG e la redistribuzione dei migranti. Un pronunciamento in controtendenza rispetto alle reazioni che, in Europa, hanno segnato la vicenda, emblematica, della Sea Watch capitanata da Carola Rackete.

parlamento europeo boccia porti aperti

Con 290 voti contrari, 288 a favore e 36 astenuti,  il Parlamento europeo – riferisce Adnkronos – ha bocciato la risoluzione sui salvataggi in mare dei migranti. La proposta, portata sul tavolo di Strasbrugo dal presidente della Commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni Juan Fernando López Aguilar, era articolata in 18 punti.  Prevedeva  che gli Stati membri mantenessero i loro Porti aperti per le navi ONG e che  venisse vietata dalla UE la criminalizzazione delle attività di assistenza in mare. Si chiedeva, inoltre, di potenziare le operazioni di ricerca e soccorso fornendo navi e attrezzature specificamente dedicate. Ma la Plenaria di Strasburgo si è espressa negativamente. Il Parlamento europeo si è scisso. Da un lato i Socialisti&Democratici di cui fa parte anche il PD, i liberali di Renew Europe  e i Verdi e  hanno votato a favore. Dall’altro lato il dissenso del Partito Popolare Europeo, dei Conservatori e Riformatori Europei e di Identità e democrazia. Sorprendente e decisiva – come sottolinea Tpi – è stata l’astensione di 14 eurodeputati del Movimento Cinque Stelle. Mentre in Italia i pentastellati guidano, insieme al PD, un governo che ha decisom di fatto, la riapertura dei Porti, in Europa si sono espressi diversamente. L’eurodeputata Cinque Stelle Laura Ferrara – come riferisce AGI – ha così spiegato l’astensione al voto: “Noi avevamo presentato emendamenti concreti. Ma ce ne hanno bocciato 2 su 3. Per questo ci siamo astenuti.” Gli emendamenti presentati dai Cinque Stelle erano 3. Il primo, approvato, riguardava la richiesta di un meccanismo di ricollocamento tra gli Stati membri di tutti i migranti salvati in mare. Il secondo, bocciato, era inerente ai corridoi umanitari. Il terzo emendamento, invece, che riguardava la questione dei Porti aperti, è stato superato da un altro presentato dai liberali di Renew Europe. La proposta dei Cinque Stelle chiedeva agli Stati membri di mantenere i loro porti aperti alle navi delle Ong impegnate in operazione di ricerca e soccorso in linea con le pertinenti convenzioni internazionali e altre norme applicabili. Quella di  Renew Europe, preferita dalla maggioranza, chiedeva aperti aperti in ogni circostanza. Il M5S, sentendosi ingiustamente surclassato, ha messo in atto una sorta di ripicca astenendosi e facendo, di fatto, bocciare la risoluzione in toto. Gli europarlamentari del PD hanno ritenuto questa astensione un colpo basso.

Fonte: Adnkronos, Tpi, AGI

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]