Home Cronaca I migranti scendono dalla Open Arms: sono felici, e cantano “Bella Ciao”

I migranti scendono dalla Open Arms: sono felici, e cantano “Bella Ciao”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:48
CONDIVIDI

Gli ultimi naufraghi a bordo della nave della Open Arms sono stati fatti sbarcare questa notte. I profughi, dopo un rapido controllo medico, hanno passato la notte nell’hotspot dell’isola. Ad accoglierli, turisti e attivisti ma anche un gruppo di contestatori, che si è scagliato contro l’organizzazione umanitaria. 

Migranti Open Arms toccano terra - Leggilo

Dopo 19 giorni in mare, finalmente hanno toccato terra. Gli ultimi 83 migranti rimasti a bordo della nave Open Arms – informa Ansa – sono sbarcati questa notte a Lampedusa. Il Procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio, arrivato nell’isola martedì per un sopralluogo, ha disposto il sequestro dell’imbarcazione e ne è stata di conseguenza ordinata l’entrata in porto. La Procura ha aperto un’indagine contro ignoti per omissione e rifiuto di atti d’ufficio. Ad attendere i migranti, decine di uomini delle Forze dell’ordine e della Guardia costiera. I profughi sono stati sottoposti ad un breve controllo medico e poi sono stati trasferiti in un centro di raccolta.

Lo sbarco dei migranti, tuttavia, non è avvenuto in solitudine. Come informa Agrigento notizie, turisti e attivisti sono accorsi al molo per dare loro il benvenuto e hanno accolto i profughi con applausi e grida. Al momento dell’attracco dell’imbarcazione, è stata anche intonata “Bella Ciao“. Sul molo, c’era anche il parroco di Lampedusa Don Carmelo Lamagra, che in questi giorni ha organizzato veglie davanti alla Chiesa San Gerlando in segno di solidarietà, e  il medico di Lampedusa, Francesco Cascio, che ha dato il suo contributo durante lo sbarco degli 83 migranti.

Non sono mancati i contestatori, guidati dalla leghista Angela Maraventano, che hanno gridato slogan contro la Ong. Un gruppo di manifestanti era invece coordinato dall’ex Sindaco dell’isola, Giusi Nicolini: “Sul molo di Lampedusa neutralizziamo uno striscione leghista con la scritta ‘scafisti’, mettendoci i piedi sopra, ma tanti piedi, proprio tanti tanti. Siamo qui per accogliere i naufraghi e ringraziare chi li ha salvati, non per farci insultare”, ha scritto sui social l’ex primo cittadino.

La nave, messa sotto sequestro, sarà trasferita a Porto Empedocle, in provincia di Agrigento, in attesa della conferma o meno del provvedimento.

“Pericolosi” ragazzi dell’Azione Cattolica di Agrigento, che accolgono i migranti di Open Arms cantando “Bella ciao”. Decisamente meglio dell’inno di Mameli al Papeete. Per me sono loro i degni rappresentanti del nostro Paese, non l’ex ministro dell’interno.

Pubblicato da Davide Faraone su Mercoledì 21 agosto 2019

 

Fonte: Ansa, Open Arms Twitter, Agrigento notizie, Giusi Nicolini Twitter, Davide Faraone FB

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]