Home Spettacolo Rita Dalla Chiesa: “Uno schifo vivere a Roma, la Capitale dovrebbe essere...

Rita Dalla Chiesa: “Uno schifo vivere a Roma, la Capitale dovrebbe essere Milano”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:00
CONDIVIDI

Roma Capitale. Una città piena di bellezze, un patrimonio artistico e culturale che potrebbe farci competere con altre capitali europee e mondiali, senza il rischio di uscirne perdenti. Un tesoro che, però, negli ultimi tempi vive di degrado ed abbandono, nonostante le promesse elettorali di Virginia Raggi. 

Rita Dalla Chiesa denuncia degrado Roma - Leggilo

Virginia Raggi indagata per abuso d’ufficio, dopo che il Tribunale ha gettato la richiesta d’archiviazione presentata dalla Procura. Virginia Raggi lasciata sola a pagare i suoi debiti, dopo che il Vicepremier Matteo Salvini ha avuto via libera sul “Salva-Roma“, dopo che Luigi Di Maio ha dato forfait al Consiglio dei Ministri. Virginia Raggi sotto accusa per il degrado in cui versano le periferie di Roma, come testimoniato dai fatti di Casal Bruciato e Torre Maura. 

Potrebbe essere, già solo fino a questo punto, la storia di un declino già preannunciato e scritto. Le pagine di un libro che si chiuderà con un finale poco piacevole, visto che il Primo Cittadino di Roma perde ogni giorno di credibilità. Come se non bastasse, ci si mettono anche i personaggi noti a dare contro al lavoro del Sindaco. L’aveva fatto, giorni fa, la presentatrice Rai Caterina Balivo, che in un post su Instagram aveva denunciato il degrado e la sporcizia della Capitale:

Roma mi ha accolta nel 1999 come una figlia, mi ha fatto crescere. Tornare a Roma è stato emozionante ma deludente”, scrive la Balivo, rammaricata per le condizioni disastrose in cui versa la Capitale: “Sporca, trafficata, buche ovunque, cacche di cani, cumuli di immondizia”. E poi l’appello, disperato e condiviso dai romani in primis, di salvare la città. A denunciare il degrado di Roma, in queste ore, c’è stato anche un altro volto noto della Tv, Rita Dalla Chiesa. Su Twitter, la conduttrice ha condiviso una foto per mostrare le condizioni in cui versa Vigna Clara, il quartiere in cui vive. Uno scatto dove sono visibili degrado e inciviltà: un marciapiede pieno di rifiuti che lo rendono impercorribile, ma anche topi morti:

Parcheggio la macchina e trovo due topi morti. Il marciapiede è ridotto così. Posso dire che mi fa schifo vivere a Roma?”, scrive. Un post che ha dato vita a numerosi commenti, da parte degli utenti. C’è chi richiama i tempi del PD, e che forse avrebbe bisogno di rinfrescare la memoria su quelli che sono stati i danni dei democratici. C’è chi paragona Roma a Milano, dove il problema rifiuti è stato risolto. “Milano dovrebbe essere la Capitale”, risponde la Dalla Chiesa. Ma anche l’opinionista Alda D’Eusanio ha denunciato, in un video pubblicato su Facebook, le condizioni pietose di “Campo dei Fiori“:

Ecco a voi Campo de Fiori! #siateimmensamenteincazzati! #roma #campodeifiori

Pubblicato da Alda D'Eusanio su Martedì 23 aprile 2019

“Piazza dei fiori e della vergogna. I gabbiani mangiano tranquillamente qui, e ai turisti facciamo vedere questa roba”. Poi mostra i cestini con i profilattici e continua lo sfogo: “Dicono che i tavolini fuori a un bar non possono essere messi, perché sono contro il decoro, nonostante un bar dia lavoro. Questo è decoro?”. Poi si chiede: “Perché i romani non si incazzano? Vaffanculo a chi ha ridotto Roma così”.

Chi ha ridotto Roma così ha un nome, a malincuore dei pentastellati, e si chiama Virginia Raggi. C’era chi, ai tempi della campagna elettorale e delle promesse, aveva più volte previsto un’incapacità dettata, tra le altre cose, dal suo essere troppo giovane per gestire una città come Roma. Inesperienza, priorità sbagliate, scelte errate. Di fatto, i danni della Raggi alla Capitale sono visibili ogni giorno. Si fa più fatica, invece, a scorgere qualcosa di positivo.

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: fact@leggilo.org

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: contro@leggilo.org