Home Persone Alessandro Lalli, un giro in moto durante le feste e l’incidente mortale

Alessandro Lalli, un giro in moto durante le feste e l’incidente mortale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:49
CONDIVIDI

Alessandro Lalli è morto. Aveva 16 anni. Il ragazzo non era andato a scuola, in quanto era il primo giorno delle feste pasquali. Era uscito per fare un giro in sella al suo bolide e non ha più fatto rientro.

Alessandro Lalli è morto a 16 anni cadendo dalla moto - leggilo

Alessandro aveva 16 anni ed è caduto dalla sua moto mentre percorreva i tornanti del monte Cornua, in provincia di Genova. La tragedia si è verificata giovedì pomeriggio. A lanciare l’allarme sono stati altri motociclisti che passavano di li. Il giovane  è stato soccorso immediatamente e trasportato in Ospedale San Martino di Genova. Purtroppo dopo ore e ore interminabili in sala operatoria, il giovane Alessandro non ce l’ha fatta e ha spirato l’ultimo respiro: il suo cuore ha smesso di battere per sempre, intorno alle 4 del mattino di venerdì. Le lesioni riportate erano gravissime, dalle ricostruzioni pare che il giovane se le sia procurate andando a sbattere contro un albero. Giovedì sera i medici del San Martino hanno tentato con veemenza, disperatamente, di salvargli la vita, purtroppo con scarsi risultati. Um incidente, quello di Alessandreo, che ricorda da vicino la scomparsa di Noemi Carrozza, la giovane sicornette azzurra venuta a mancare qualche mese fa, anche lei giovanissima.

Alessandro Lalli ha perso la vita in un tragitto molto frequentato dagli appassionati di moto, e purtroppo tanti di loro hanno lasciato la vita in quelle strade tortuose, come riportato da Genova Quotidiana. Il sedicenne adorava le moto e quei tornanti li conosceva molto bene, percorreva spesso quella strada sulla sua Marathon 125. Amava perdersi nel verde del bosco e ondeggiare fra una curva e l’altra dei tornanti. Guidava sulle curve del Cornua da Uscio a Genova, dove frequentava l’ITIS Giorgi-Majorana, una volta finita la sua giornata di lezioni, a ritroso ripercorreva la stessa strada. Era nato e vissuto a Recco, ma da un anno circa lui e la sua famiglia si erano trasferiti a Uscio.

Giovedì pomeriggio non si sa cosa sia andato storto, gli inquirenti lavorano a 360 gradi sul caso. Come e perché l’incidente sia successo resta da chiarire: segni di frenata, sull’asfalto, non ne sono stati rilevati. Potrebbe essere stata distrazione, velocità, o forse un problema meccanico: tutte le ipotesi restano sul tavolo in attesa di ulteriori accertamenti.

Fonte: Genova Quotidiana

 

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]