Home News Mondo Chiede l’estrema unzione prima di morire. Il sacerdote abusa di lei

Chiede l’estrema unzione prima di morire. Il sacerdote abusa di lei

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:28
CONDIVIDI

Un prete di 75 anni ha abusato di una signora in fin di vita. La donna lo attendeva per  ricevere l’estrema unzione. 

Texas, abusa di una donna in fin di vita - Leggilo

Ancora scandalo nella Chiesa Cattolica. Le vicende di abusi sessuali da parte di preti o sacerdoti, ormai, riempiono di vergogna il Vaticano che quasi ogni giorno, ormai, si trova a dover fare i conti con accuse di ogni tipo che colpiscono i suoi seguaci. Il summit sulla pedofilia voluto da Papa Francesco sembra aver centrato, finalmente, uno dei più grandi mali della Chiesa e la condanna, nei giorni successivi, di McCarrick o di George Pell sembrano averlo confermato. Ma non sono gli unici casi e le vittime non sono sempre bambini. L’ultimo caso arriva dal Texas.

Un sacerdote cattolica, Gerold Langsh, originario di Austin, ha molestato sessualmente una donna quando era ormai sul punto di morire. La vittima aveva 60 anni e il prete si era recato a casa sua per darle il sacramento dell’estrema unzione: invece l’ha molestata. L’episodio risale ad ottobre dello scorso anno, ma solo ora la storia si è chiusa, come riportato da CBSNews.

Il sacerdote si trovava nell’abitazione della vittima, ormai senza forze e negli ultimi istanti della sua vita. In base a quanto ricostruito, l’uomo le ha scoperto il petto e l’ha unto con l’acqua santa. Poi, ha iniziato a toccarle il seno e altre parti intime, fino a levarle il pannolino che la donna portava. Il marito, in casa con lei, aveva lasciato i due soli in camera, senza il minimo dubbio di quello che sarebbe potuto accadere. Una volta accortosi, grazie ai lamenti della donna, della violenza che si stava consumando, ha avvisato le Forze dell’ordine all’istante. Gli agenti si sono precipitati in casa e hanno posto in stato di fermo il sacerdote.

Langsh, come riporta la stampa locale, si è detto pentito delle sue losche azioni: “Mi sento in colpa per i miei gesti avventati“, si è giustificato. Una volta in carcere, l’uomo è stato liberato dopo aver pagato la cauzione. Ma la Diocesi lo ha immediatamente sospeso dall’incarico. Un’altra storia di abusi si aggiunge al lungo elenco che vede coinvolti, ovunque, sacerdoti di tutte le età.

Fonte: CBSNews

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]