Home Persone “Tutte le cose sono andate nel verso sbagliato”. Luca Cardillo è morto

“Tutte le cose sono andate nel verso sbagliato”. Luca Cardillo è morto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:06
CONDIVIDI

E’ morto Luca Cardillo, il 23enne originario di Giarre, Catania, che lottava contro un osteosarcoma maligno, una rara forma di tumore osseo alla gamba.

Luca Cardillo muore per tumore

Luca aveva lasciato la sua città natale per frequentare  l’Accademia di Cinecittà, a Roma, col sogno di diventare un attore. Ma, nel 2016, dopo alcuni accertamenti in seguito a forti dolori alla gamba destra, ha scoperto la malattia. Ha cominciato le cure e la chemioterapia al Policlino Gemelli, ma i medici fin da subito erano apparsi negativi sulla speranza di guarigione. Luca ha raccontato  la sua storia e le fasi della malattia in Internet, proprio come ha fatto Teresa Calvano, l’anima bella deceduta poco fa. “Il tumore si è esteso nell’arteria femorale e in tutti i vasi sanguigni. Le metastasi si sono triplicate, l’osteosarcoma non si è ridotto. Tutte le cose sono andate nel verso sbagliato”, aveva detto in un momento critico. Parallelamente la sorella aveva lanciato una raccolta fondi per tentare di portarlo negli Stati Uniti. Alla raccolta avevano partecipato molti personaggi noti, la sua storia aveva attirato l’attenzione e se ne seguiva l’evoluzione sui social, per sperare in un miglioramento delle sue condizioni, come riportato da Adnkronos.

Luca Cardillo muore per un tumore osseo
Luca Cardillo con la famiglia

Proprio negli Usa, al Md Anderson Cancer Center di Houston, in Texas, Luca era stato visitato dagli specialisti che però alla fine avevano ritenuto impossibile rimuovere chirurgicamente il tumore. Nulla da fare. Da lì, l’aggravarsi della situazione: la gamba sempre più gonfia. “Mio fratello è a letto e non si muove più”, aveva detto la sorella.

Luca, il ragazzo dal tumore inoperabile, stamattina si è spento. “I medici gli avevano dato solo due mesi di vita, ma lui non lo sapeva“, ha detto la sorella. “Aveva preferito non sapere quanto gli sarebbe rimasto, ha continuato fino all’ultimo ad essere speranzoso, a credere che sarebbe vissuto ancora a lungo, ma purtroppo le cose sono andate diversamente”.

Su Facebook, il cordoglio di numerosi amici che hanno scritto diversi messaggi di addio per il giovane amico.

“Oggi, il mio migliore amico, anima candida, raggio di sole nella tempesta, se n’è volato in paradiso. Si sta meglio là, vero Luca?”, scrive su Facebook Denise, la migliore amica di Cardillo. “È inevitabile piangere ma farò in modo di ricordarti con gioia e di fare festa, e di gioire, per la fine della tue sofferenze e i tuoi dolori… Dovevi fare grandi cose, avevi un talento unico eppure, se adesso non sei più su questa terra devo convincermi, attraverso la fede, che forse un piano migliore è riservato per te..”, scrive ancora.

Domani, alle 15, al Duomo di Giarre, i funerali di Luca.

Chiara Feleppa

Fonti: Adnkronos, Facebook Luca Cardillo