“Questi che verranno saranno i miei anni migliori” Gabriel muore nel letto del suo amante 70 enne

Fonti ed evidenze: Repubblica, Corriere della Sera

Un giovane istruttore di fitness è stato trovato morto nella camera da letto del suo amante a seguito di una festa.

La vittima è Gabriel da Silva. La tragedia si è consumata a Milano, in un appartamento di via Marinetti di proprietà di un ex bancario di 71 anni, amico e amante della vittima.

Istruttore fitness morto
Gabriel da Silva/ Instagram- Leggilo

Gabriel da Silva era originario del Brasile ma viveva a Milano ormai da tempo. Aveva 27 anni e per mantenersi faceva l’istruttore di fitness. Molto popolare su Instagram dove mostrava il suo fisico palestrato, i tatuaggi e si dichiarava orgoglioso di aver fatto comune out in merito alla sua omosessualità. In uno dei suoi tanti post si legge: “Voglio vivere tutto. Fa parte di me. Ho sempre scelto di vivere il rimpianto delle mie scelte piuttosto che vivere una vita che non era più mia. Sempre. Sono cose che appartengono a me e alla mia storia. Io, il mio migliore amico. Incapace di nascondere ogni singola emozione che provo. Impossibile essere insensibili. Il mio intuito dice che i 27 anni saranno migliori. Grazie al mio Dio per tutto. E possa la mia strada essere lunga e felice“. Purtroppo la strada del giovane si è fermata troppo presto, dopo una festa. La sua vita si è fermata  nel letto dell’abitazione di un 71enne, amico e amante della vittima – come si è definito il pensionato davanti ai Carabinieri – che aveva dato una festa, a cui erano presenti alcuni amici.

Come è morto Gabriel da Silva 

Istruttore fitness morto
Gabriel da Silva trovato morto nel letto del suo amante/ Instagram- Leggilo

La festa – come ammesso dal padrone di casa – era a base di sesso e droga e si è conclusa tragicamente con il ritrovamento di Gabriel da Silva sul letto, con il viso appoggiato su un sacchetto di plastica, con il torso nudo. Non c’erano segni di violenza sul corpo.
Sarà solo l’autopsia a dire come è morto il 27enne, se stroncato da un mix letale di alcol e droghe, se morto dopo un gioco erotico o ancora se sia stato ucciso da uno dei presenti. Intanto è stato indagato per omicidio colposo e omissione di soccorso il padrone di casa, il 71enne Gianclaudio Dalla Benetta, ex bancario e consulente finanziario in pensione. E’ stato lui a chiamare i Carabinieri dicendo di aver trovato il cadavere del suo amico. Ma ai Carabinieri della compagnia Monforte e del Nucleo investigativo, che ieri lo hanno sentito a lungo assieme alla pm Simona Ferraiuolo, l’uomo ha raccontato una versione che al momento è tutta da verificare. Il pensionato ha dichiarato: “Ci conoscevamo dal 2019, eravamo un po’ amici e un po’ amanti, ogni tanto veniva da me per qualche giorno ma non eravamo fidanzati”. Da quanto emerso il 71enne aveva a lungo vissuto con un altro compagno, tanto che il suo nome è rimasto sul citofono, ma Gabriel era di sicuro un viso conosciuto anche ai vicini. Ai Carabinieri  Dalla Benedetta ha spiegato che quando gli altri invitati alla festa, la mattina successiva, sono andati via, Gabriel ha chiesto di potersi riposare sul letto. Dalla Benetta sostiene di essersi addormentato anche lui, ma sul divano e di aver scoperto il cadavere dell’amante al suo risveglio.