Incidente, a morire è la fidanzata del medico chiamato sul posto

Un medico legale di Bolzano, chiamato sul posto dopo un incidente, si è trovato dinnanzi una scena straziante: ha infatti dovuto dichiarare morta la propria fidanzata.

margherita giordano medico
Margherita Giordano (foto da bigodino.it)

Il mestiere del medico legale non è mai un lavoro semplice: esso si deve occupare della perizia di una salma per decretarne la morte e le cause. Quando però la persona deceduta è la fidanzata del mestierante, tutto si trasforma in una scena straziante.

Questo è quanto successo a Bolzano: Margherita Giordano è stata travolta a Bolzano da una betoniera facendola morire sul colpo. Il medico legale arrivato sul posto per decretarne la cessazione della vita però era il suo fidanzato. Inutile dire che ora l’uomo si trova sotto shock.

Incidente, a morire è la fidanzata del medico chiamato sul posto

margherita giordano incidente
La scena dell’incidente (foto da meteoweek.it)

Margherita Giordano, originaria di Somma Vesuviana, si era trasferita nella città di Bolzano per insegnare in un istituto comprensivo. Nel pomeriggio di giovedì, si aggirava nella cittadina in bicicletta, quando è stata investita e schiacciata da una betoniera che stava girando tra piazza Mazzini e corso Libertà. Il conducente del mezzo non aveva notato minimamente Margherita ed ora è accusato di omicidio colposo.

Leggi anche: Brindisi, nessuno sapeva dove fosse Maria, 82 anni: la trovano morta dentro un congelatore

Sull’incrocio delle vie ma anche presso le scuole dove la donna insegnava, sono stati disposti fiori e lumini per ricordarla. “Una Donna intelligente e costantemente con il sorriso stampato sulle labbra“, la ricorda invece così la Nuova Compagnia Teatro Brunico, con la quale Giordano si esibiva nel tempo libero.

Leggi anche: Chiama la madre dopo mesi: i vicini sentivano cattivo odore da giorni

Scrivono su Facebook i suoi colleghi dell’Istituto pluricomprensivo Brunico: “Nei quattro anni in cui ha prestato servizio presso il nostro istituto, dal 2016 al 2020, abbiamo tutti avuto modo di apprezzare le sue doti professionali e relazionali, la vitalità e l’energia con cui si è sempre resa disponibile ad aiutare alunni e colleghi, la sua preparazione, l’instancabile contributo dato all’organizzazione dell’istituto“. Ora le indagini procederanno per comprendere minuziosamente l’andamento dei fatti. Ciò che resta però è una morte evitabilissima ed un fidanzato che difficilmente riuscirà a sorpassare l’accaduto.