Multe, controlli immediati; cosi’ sapranno tutto della tua auto

C’è un arma infallibile per cogliere quasi istantaneamente chi infrange il codice stradale. Un progetto pilota che presto sarà esteso a tutta Italia

multe con occhiali ad infrarosso
cartello stradale (foto pixabay)

Si tratta di un progetto pilota che renderà possibile, praticamente al cento per cento, cogliere un infrazione di un automobilista. Parliamo di una particolare tipologia di occhiali, con all’interno telecamere a raggi infrarossi. Questo consentirà di identificare in tempo reale le targhe dei veicoli e i documenti dei guidatori. Permetterà inoltre di identificare segnalare gli incidenti e sarà possibile fare multe in tempo reale.

Appare evidente come la tecnologia e la digitalizzazione abbiano raggiunto ogni ambito della nostra società e quindi, per estensione, ogni momento della vita quotidiana. Il possesso dei nostri dati, non implica neanche più che si debba essere colti in fragrante o schedati dalle autorità con un normale fermo di controllo o “posto di blocco“. Tramite un numero di targa i vigili avranno tute le informazioni pertinenti su di noi e sul nostro veicolo. Sfuggire a questi controlli sarà impossibile. Una cosa è certa; questi dati, questa mole di informazioni sul nostro conto, non sono stati rubati in maniera coercitiva. Siamo stati noi a renderli pubblici a volte, in cambio di questa o quella agevolazione o sconto. Questa quantità di informazioni su ogni singola persona sta rendendo possibile, inoltre, prevedere il comportamento e quindi la prossima infrazione.

I pro e i contro di questo progetto pilota

multe con occhiali ad infrarosso
telecamere (foto pixabay)

Ma tornando a parlare di questi occhiali (quasi da spionaggio militare) c’è una data. Dal 1° dicembre 2022 saranno utilizzati dalla Polizia Municipale di Arezzo. Ma la logica ci impone che se manterranno le promesse il loro utilizzo verrà allargato anche ai centri urbani più grandi.  Nello specifico questo dispositivo si chiama Lab Glasses, costituito da un occhiale con tanto di di visore e di telecamere ad alta risoluzione. Riconoscerà  automaticamente i dati dei veicoli e i documenti di guida delle persone (anche se vista la tendenza sarà meglio cominciare a chiamarli/ci utenti).

Leggi anche:  Pace fiscale, come funzionerà davvero il saldo a stralcio

Gli occhiali hanno un lettore targa che invia i dati raccolti verso un normale smartphone ma anche con l’ausilio di un monitor proiettato direttamente sugli occhi dell’agente di polizia. Consentirà l’accesso a dati e info che saranno impresse direttamente sul visore oculare. Nulla sfuggirà. E in tutto ciò il controllo avverrà anche in movimento, senza che l’automobilista ne sia pienamente consapevole.

Leggi anche: Pensioni, mai così alte da 40 anni: ecco chi festeggia

Infine ecco le parole del direttore commerciale del gruppo Lab Consulence.  “Si tratta di un progetto innovativo e siamo sicuri che lo strumento stravolgerà in senso positivo l’attività della polizia municipale. La nostra idea necessita tuttavia di una sperimentazione sul campo. Il progetto seguirà tre fasi nella sua evoluzione, dal basso fino alla versione più evoluta”.  Intercettare  le infrazioni al Codice della Strada, quindi, in maniera più veloce e più economica forse, ma in cambio di cosa? stiamo forse barattando qualcos’altro?.