Giorgia Meloni deve solo vergognarsi, dice Loredana Bertè “Non la chiamo onorevole, perchè lei di onorevole non ha nulla”

0
68
Fonti ed evidenze: La7, Giornale

Dopo la scrittrice Michela Murgia e l’influencer Chiara Ferragni, anche la cantante Loredana Bertè si scaglia contro la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni.

Manca circa un mese dalla chiamata alle urne e sembra che attaccare Giorgia Meloni – leader di Fratelli d’Italia e, secondo molti, futuro Presidente del Consiglio – sembra diventato il nuovo sport nazionale. Dopo l’influencer Chiara Ferragni e la scrittrice Michela Murgia, anche la cantante Loredana Bertè fa sentire la sua voce.

Loredana Bertè Facebook

Mentre Ferragni ha attaccato le politiche antiabortiste di Fratelli d’Italia e Murgia ha accusato meloni di non essere una vera donna, la cantante si è concentrata, invece, sulla presunta ideologia fascista che a detta di molti, animerebbe ancora Fratelli d’Italia. Loredana Bertè, nello specifico, ha attaccato Giorgia Meloni per la fiamma nel simbolo di Fratelli d’Italia. Tutto è nato dalla richiesta della senatrice a vita Liliana Segre – sopravvissuta ai campi di concentramento – di rimuovere la fiamma. Richiesta non accolta con favore da Giorgia Meloni. E, sebbene il Viminale, a seguito dei controlli, non abbia ravvisato alcuna irregolarità nel simbolo di Fratelli d’Italia, la polemica non si è fermata.

Bertè ha pubblicato  un video di protesta sul suo profilo social nel quale si riferisce proprio alla Meloni: “Quando una senatrice come Liliana Segre chiede che venga cancellata dal suo logo quella fiamma che ricorda chiaramente il fascismo e le sue conseguenze, lei la rimuove e basta senza arrampicarsi sugli specchi con scuse improbabili. Lei la rimuove, capito?!”– le parole della cantante pronunciate con toni decisamente non amichevoli. Ma non è tutto, la cantante nel suo video prosegue: “Mi sembra il minimo verso una signora che ha passato quello che ha passato, oltre a noi cittadini che siamo veramente stufi e alla memoria di quelli che non ci sono più, quelli che per quel simbolo sono stati uccisi. Lei si deve vergognare, si vergogni signora Meloni. Non l’ho chiamata apposta Onorevole perché lei di onorevole non ha niente”. Dopo questo video contro Giorgia Meloni e in difesa di Liliana Segre, il  profilo di Loredana Bertè ha accresciuto in misura importante le visualizzazioni: gli ultimi 5 reel pubblicati da Loredana Bertè non hanno superato le 50mila visualizzazioni, quello su Giorgia Meloni è quasi a 800mila.