Bonus casa 50%: ecco cosa ristrutturare e come ottenerlo

0
43

Per quanto concerne l’agevolazione per i lavori di edilizia, la proroga è stata fissata fino all’anno 2024. Con un 50% di sconto applicabile, ma i lavori non potranno superare la cifra dei 96mila euro.

Si tratta quindi della Legge di bilancio del 2022 che fatto sì che sia applicata una proroga per quanto riguarda il tanto atteso bonus ristrutturazione del 50% per un periodo che riguarda altri tre anni. Vi è quindi uno slittamento. Un qualcosa che ha interessato molti immobili e proprietari di questi che hanno intenzione di portare avanti dei lavori di ristrutturazione per migliorare le condizioni dell’immobile e del proprio appartamento.

Bonus casa 50%_ ecco cosa ristrutturare e come ottenerlo
Bonus casa 50%, ecco cosa ristrutturare e come ottenerlo
(pixabay.com)

Quello che va puntualizzato è che il limite ultimo per fare questo è l’anno 2024, si tratta di effettuare lavori di ristrutturazione casa, ma attenzione vi è un limite massimo di spesa, ossia quello di 48mila euro per ogni unità immobiliare. Entriamo nello specifico per comprendere meglio di cosa si tratta.

Come funziona

Parliamo di una vera e propria agevolazione che riguarda  il restauro, il risanamento e la manutenzione straordinaria di un immobile all’interno di condomini e anche quelli che si trovano nelle palazzine unifamiliari. Si tratta di 48mila euro di bonus che riguardano anche le parti comuni dell’immobile, non necessariamente e solo quelle interessate dal proprietario dell’appartamento in questione, ma parliamo anche di altri fattori importanti da considerare come le barriere architettoniche, le autorimesse o i posti auto in fase di realizzazione.

Quello che bisogna comprendere nello specifico è come si richiede il tutto. La richiesta riguarda una detrazione d’imposta da scontare in un periodo che riguarda i dieci anni. Le spese vanno inserite nel modello 730 al momento che viene elaborata la dichiarazione dei redditi che normalmente viene emessa da ciascun cittadino per il pagamento delle sue imposte. Un’altra soluzione è la detrazione in credito d’imposta e anche la cessione del credito. Quest’ultima fornisce la possibilità a coloro che hanno diritto al beneficio del Bonus casa per una percentuale del 50% di potere usufruire di uno sconto in fattura che successivamente viene applicato dall’impresa che si occupa di eseguire i lavori che dovranno essere eseguiti nell’ immobile in questione.