Pesce: cosa fare se soffochi con una spina

L’unico inconveniente del consumo di pesce, risiede proprio nella possibilità di ingerire una spina: ecco cosa fare in questi casi.

Benché sia un alimento particolarmente gustoso e soddisfacente, il pesce presenta un problema non indifferente: la presenza delle lische al suo interno. Contrariamente ai tranci di carne infatti, lo scheletro dei pesci tende a diffondersi e separarsi durante la cottura. Per questo motivo, spesso ci capita di ritrovarci delle lische in bocca e di conseguenza ingerirle involontariamente.

Pesce: ecco cosa fare se ingerisci una spina (Pexels)
Pesce: ecco cosa fare se ingerisci una spina (Pexels)

Cosa fare in questi casi? Esistono una serie di soluzioni utili a rimuovere la spina di pesce dalla gola. In ogni caso, la prima regola è la seguente: non allarmatevi, il più delle volte la lisca non vanta dimensioni tali da essere pericolosa. Approfondiamo insieme l’argomento nel prossimo paragrafo.

Spina di pesce: ecco come rimuoverla

Nel momento in cui ci accorgiamo di aver ingerito inavvertitamente una spina di pesce, esistono diverse reazioni e soluzioni da poter attuare. In primo luogo, verrà spontaneo il colpo di tosse: fate tuttavia attenzione a non sollecitare eccessivamente la gola, questo per evitare eventuali lesioni del cavo orale.

In secondo luogo, è possibile bere un bicchiere d’acqua con un abbondante quantità di sale diluita, oppure un cucchiaio di olio extra-vergine d’oliva. In entrambi i casi, i liquidi aiuteranno il percorso della spina verso lo stomaco, evitando danni eccessivi alle pareti interne. Generalmente, si consiglia di consumare un pezzettino di mollica di pane: quest’ultima – relativamente morbida – permetterà alla lisca di scivolare, proteggendo al contempo i tessuti interni della gola.

Pesce - prova a consumare un pezzo di mollica (Pexels)
Pesce – prova a consumare un pezzo di mollica (Pexels)

Infine, è possibile consumare un sorso di aceto di vino bianco. Sicuramente questo rimedio risulta meno piacevole rispetto ai precedenti, eppure è da considerarsi uno dei più efficaci. L’acidità infatti corrode la spina, aiutandoci non solo a digerirla, ma anche a favorirne lo smaltimento. Inoltre, le proprietà disinfettanti consentiranno un’igienizzazione della cavità qualora la lisca abbia procurato delle micro-ferite.

Nel momento in cui, nonostante i metodi precedenti, doveste avvertire ancora la presenza della spina in gola, è opportuno contattare il proprio medico. Generalmente, in questi casi la lisca si rimuove con l’aiuto di una pinzetta opportunamente sterilizzata, si tratta tuttavia di un procedimento attuabile solo da mani esperte.