Firenze, madre e figlia occupano abusivamente un appartamento. Il giudice le dà il consenso di prendere residenza nella casa

0
381
Fonti ed evidenze: Il Giornale, Corriere

Hanno occupato abusivamente un appartamento di Firenze e potranno continuare a viverci: per il giudice sono legalmente residenti nello stabile.

Mamma e figlia hanno occupato un appartamento a Firenze dopo essere state sfrattate da quello precedente. Il giudice ha dato loro ragione, riconoscendo il loro diritto alla residenza anagrafica.

ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

Una vicenda che arriva da Firenze e che ha come protagoniste una donna e la propria figlia che oggi ha nove anni. Tutto è iniziato circa sette anni fa quando la madre e la figlia sono state sfrattate da un’appartamento situato a Campo Bisenzio, a causa delle troppe mensilità d’affitto non pagate. Questo ha indotto la madre a trovare un’altra sistemazione. Una ricerca che l’ha condotta sino al capoluogo toscano, in un’abitazione di Piazza Beccaria che trovò disabitata. Vista la situazione emergenziale, non ebbe dubbi nell’occuparla, senza corrispondere alcuna somma per l’affitto alla proprietà. E paradossalmente, non fece mistero di tutto ciò nemmeno quando nel 2016 sollecitò il Comune di Firenze a iscrivere lei e la bambina nelle liste anagrafiche per esercitare i diritti connessi alla residenza, riconosciuti dalla Costituzione. Inizialmente l’ente condizionò la sua richiesta all’intervento dei servizi sociali. Una condizione che la donna non accettò, rivolgendosi pertanto al Tribunale e vincendo inizialmente anche un ricorso d’urgenza. Solo dopo il verdetto fu ribaltato dal giudice di merito, che accolse al contrario le ragioni dell’amministrazione fiorentina e congelò il precedente provvedimento.

A quel punto la madre scelse di ricorrere in Appello. E il magistrato, questa volta, le ha dato ragione in via definitiva. Rifacendosi ad una risoluzione del Ministero dell’Interno del 2015 che sancisce l’esistenza, nel nostro ordinamento, del diritto all’iscrizione anagrafica di tutti coloro che vivono nel territorio nazionale. I giudici della prima sezione hanno considerando infondata la pretesa del Comune di Firenze di subordinare la concessione della residenza a una pre-istruttoria da effettuarsi tramite la presa in carico da parte dei servizi sociali. Le sentenza ricorda anche come il Viminale abbia già riconosciuto in passato che nei casi di illegittima occupazione dell’alloggio, il cittadino, quale extrema ratio, deve essere iscritto nelle liste dei residenti” in ragione del superiore diritto all’iscrizione anagrafica dalla quale discendono altri diritti costituzionalmente garantiti”. E alla luce di tutto ciò, la donna continuerà ad abitare nella casa che occupa(va) abusivamente. Potrà dunque continuare a risiedervi, stavolta legalmente, pur non essendone la proprietaria.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui