Riso scaduto? Riconosci i segnali è importante per la salute

Riso scaduto? Riconosci i segnali, è importante per la salute: ecco come capire se abbiamo ingerito questo alimento oltre i termini.

Utilizzato costantemente nella cucina orientale, il riso è un alimento molto presente anche sulle nostre tavole; di diverse qualità, che lo si mangi caldo in una minestra, con un gustoso condimento oppure freddo, il riso è sempre buonissimo.

riso scaduto
I sintomi causati dal riso scaduto (foto: Pixabay).

Bisognerebbe fare attenzione però, come per qualsiasi altro alimento, a non consumarlo oltre la data di scadenza; ecco quali sono i possibili sintomi causati dall’ingerimento oltre i termini consentiti.

Riso scaduto? Riconosci i segnali è importante per la salute: eccoli

Stando a quanto riportato da GreenMe, solitamente il riso bianco è capace di durare fino a due anni, mentre quello integrali fino a 3 o 6 mesi dalla data di produzione; bisogna sempre consultare l’indicazione sull’apposita confezione.

Per controllare se il riso è già andato a male, basta vedere lo stato della confezione e dei chicchi; se c’è umidità o qualche insetto vario, è bene gettarlo direttamente nel cestino. Per quanto riguarda il riso integrale, si può anche controllare la consistenza e il colore dei chicchi.

In generale, per conservare bene il riso è necessario riporlo in un posto asciutto (come ad esempio la dispensa), ancor meglio se dentro ad un contenitore ermetico. Per capire invece se il riso cotto è andato a male, basta sentire l’odore (che non deve ovviamente essere sgradevole) e non essere appiccicoso.

Ma cosa succede se si ingerisce del riso scaduto? Ovviamente, la situazione è assolutamente da evitare, per non avere problemi come vomito, nausea, convulsioni e tanti altri problemi più gravi che vanno dal coma all’indebolimento del sistema immunitario all’intossicazione alimentare.

riso scaduto
Attenzione alla conservazione del riso, cotto e crudo, e al suo stato (foto: Pixabay).

Questo perché il riso scaduto viene contaminato da funghi o muffe, capaci di creare delle micotossine che possono fare male al nostro organismo, provocando i sintomi sopra menzionati.

Con qualche piccola accortezza comunque, si può evitare il problema; cercate di comprare la giusta quantità di riso e di utilizzarlo prima della scadenza, anche per ricette creative!