Cane: sai cosa succede se mangia una ciliegia?

Contrariamente a quanto si possa pensare, i cani non possono ingerire tutti i cibi consumati dall’uomo. Ecco cosa potrebbe succedere.

Vi guardano con quegli occhioni terribilmente magnetici, vi chiamano con la zampa e vi supplicano cordialmente di dare loro un pezzettino di ciò che state mangiando – la maggior parte dei padroni cede alla tentazione, ma occorre fare attenzione alla natura dell’alimento che diamo al nostro cane.

Cani (Pexels)
Cani (Pexels)

Contrariamente a quanto si possa pensare infatti, i nostri amici a quattro zampe non possono ingerire qualsiasi cibo gli venga proposto. Esistono alcuni prodotti che possono essere addirittura letali. Pensate per esempio al cioccolato, incredibilmente benefico per il nostro organismo, ma decisamente fatale per gli animali. Per questo motivo, occorre sempre informarsi prima di dare ai nostri cani qualsiasi alimento provenga dalla nostra dispensa, proprio perché le conseguenze potrebbero essere particolarmente gravi. A proposito di questo, oggi faremo riferimento nello specifico alle ciliegie.

I cani possono mangiare le ciliegie?

La stagione primaverile ci permette finalmente di gustare le dolcissime ciliegie, amate da adulti e bambini, perfette per qualsiasi occasione: dalla colazione, alla conclusione del pasto, fino ad arrivare alla merenda. Ma i cani possono mangiarle? Tendenzialmente sì, ma a due condizioni: non ne devono consumere più di due al giorno e devono essere assolutamente private del nocciolo. Quest’ultimo infatti, potrebbe rappresentare un vero e proprio veleno per l’organismo del nostro cane.

Ciliegie (Pexels)
Ciliegie (Pexels)

I noccioli – oltre a causare blocchi intestinali, soprattutto per i cani di piccola taglia – contengono amigdalina, elemento che a contatto con l’organismo produce acido cianidrico, principale fautore degli avvelenamenti. Stesso discorso vale per le foglie e per i piccioli, di conseguenza, se volete dare un paio di ciliegie al vostro cane, ricordatevi di dargli solo ed esclusivamente la polpa.

Le conseguenze di un eventuale avvelenamento si riassumono in stitichezza, vomito, inappetenza, riduzione della quantità di feci, ma anche respiro affannoso, pupille dilatate e gengive eccessivamente rosse. Di conseguenza, se il vostro cane dovesse cominciare a presentare questi sintomi, soprattutto in seguito al presunto ingerimento di una ciliegia, contattate immediatamente il veterinario.