Colesterolo alto: guarda i piedi e lo scoprirai

Colesterolo alto, guarda i piedi e lo scoprirai: possono essere degli indicatori, sempre bene rivolgersi al medico in questi casi.

Il colesterolo alto può essere un problema per moltissime persone e, in caso le analisi mediche mettano in evidenza questa patologia, è bene seguire alla lettera i consigli degli specialisti, a partire dal cambiare stile alimentare.

colesterolo alto piedi
Alcuni segnali possono provenire dai piedi (foto: Pixabay).

Un indicatore di colesterolo alto possono anche essere i nostri piedi, che se osservati con attenzione possono lanciarci dei segnali che non andrebbero sottovalutati; ecco il collegamento.

Colesterolo alto, guarda i piedi e lo scoprirai: alcuni segnali

Di solito, il colesterolo alto è asintomatico e dunque può essere messo in evidenza solo attraverso le analisi; alcune volte però, può essere individuato a causa di alcuni segnali, che possono arrivare anche dai piedi.

Nello specifico, in caso di colesterolo alto potrebbero apparire delle escrescenze di colore giallastro sotto la pelle, delle lesioni che possono sorgere sia sotto la pianta del piede che in prossimità del tendine d’achille, come riporta GreenMe.

Si può avvertire poi del formicolio alle dita dei piedi, ragion per cui questa parte del nostro corpo può indicarci che c’è qualcosa che non va nel nostro organismo; il nostro corpo spesso ci parla ed è dunque bene stare ad ascoltarlo, rivolgendosi ad uno specialista e facendo le analisi del caso.

Per combattere il colesterolo alto ed eliminare il colesterolo LDL, si può scegliere una dieta ricca di cereali, legumi e vegetali, che come riporta Humanitas non contengono colesterolo e aiutano anche a ridurre i livelli di quello in eccesso.

colesterolo alto piedi
Il farro e altri cereali consigliati come dieta per abbassare il colesterolo (foto: Pixabay).

Tra i cereali sono pertanto consigliati pane, pasta e riso integrali, ma anche farro, avena e orzo, da consumare dalle due alle quattro volte a settimana; sarà poi il medico che vi ha in cura a stilare una dieta fatta apposta per il vostro caso.

Spazio anche a frutta e verdura, così come anche al pesce, da mangiare cotto o al vapore, o alla griglia o al cartoccio, evitando la frittura.