Bonus lavoro: anche questa categoria, sempre esclusa, lo può richiedere

Non tutti sanno che anche una particolare categoria di lavoratori, di solito sempre presa poco in considerazione, può richiedere il bonus lavoro. Ecco quale

Con l’approvazione del Decreto Aiuti, è stato stanziato il Bonus da 200 euro, il quale ha permesso a molti lavoratori di ottenere un concreto aiuto economico. Tuttavia, non tutti sanno che questo bonus può essere richiesto anche da una particolare tipologia di lavoratori: i lavoratori stagionali.

(Ansa/ Ettore Ferrari)

Grazie a queste modifiche, infatti, il bonus di 200 euro potrà essere stanziato anche per chi ricopre mansioni tipicamente stagionali. In attesa della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, dunque, spieghiamo i dettagli e i requisiti necessari per ottenere l’aiuto economico.

Come ottenere il bonus lavoro

Il bonus lavoro è un contributo una tantum di 200 euro. Inizialmente, l’importo era rivolto solo ai lavoratori dipendenti, disoccupati e pensionati; tuttavia, è stato successivamente esteso anche ad altre particolari categorie.

Successivamente alla revisione del Decreto Aiuti, si è arrivati anche all’estensione del Superbonus 110%, prorogato alle villette. Sono state effettuate modifiche anche alla cessione del credito, elemento particolarmente discusso e che ha fatto pensare ad una definitiva eliminazione dell’agevolazione.

Per quanto riguarda, invece, il bonus lavoro, si è arrivati ad una correzione della bozza, estendendo l’agevolazione anche ai lavoratori stagionali. Tuttavia, per ottenere l’importo di 200€ questi dovranno aver avuto nel 2021 un reddito inferiore a 35.000 euro.

(Ansa/ Ettore Ferrari)

All’interno della bozza del decreto Aiuti sono state definite anche le modalità di erogazione del bonus. Saranno infatti i datori di lavoro, dei settori pubblico e privato, a stanziare l’importo e riconoscerlo in maniera automatica ai propri lavoratori, ricevendo poi un successivo rimborso da parte dello Stato.

Saranno sempre i datori di lavoro, dunque, a verificare in sede di conguaglio se il bonus può essere effettivamente stanziato per quel singolo lavoratore. Nel caso in cui, quindi, un lavoratore non soddisfi i requisiti richiesti all’interno della bozza del decreto, dovrà restituire la totalità dell’importo.

Non sarà dunque necessaria alcuna domanda per richiedere la ricezione del bonus lavoro, in quanto questo verrà riconosciuto in maniera automatica. Tuttavia, tutti i dettagli relativi ai requisiti e alla modalità di erogazione saranno definite con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto.