Ragazzo seminudo trovato sulla spiaggia di Sabaudia: aveva da poco ucciso Romina De Cesare

Fonti ed evidenze: Fanpage, Today

La ragazza è stata uccisa a coltellate a Frosinone. Fermato l’ex fidanzato, trovato in stato confusionale in spiaggia.

Una donna di 36 anni, Romina De Cesare, ieri è stata trovata morta nella sua abitazione del centro storico di Frosinone, uccisa a coltellate. Il corpo è stato scoperto dopo una telefonata al 112 che segnalava un individuo vagare seminudo in evidente stato confusionale sulla spiaggia di Sabaudia.

Romina De Cesare uccisa a coltellate dall’ex fidanzato ANSA/ANTONIO NARDELLI

L’uomo, Pietro Ialongo, un 38 enne originario di un paese in provincia di Isernia, sarebbe l’autore dell’omicidio ed ex compagno della donna, è stato fermato dai carabinieri e dalla polizia. A dare l’allarme della scomparsa, è stato l’attuale fidanzato della donna, insospettito dal suo lungo silenzio e dal fatto che non riuscisse a rintracciarla. Quando le volanti della questura hanno sfondato la porta dell’appartamento, con l’aiuto dei vigili del fuoco, hanno trovato la giovane senza vita, in una pozza di sangue.

Romina Di Cesare

Si può trovare un profilo Facebook corrispondente alla giovane. Tra le informazioni generali del contatto si apprende che Romina era una ragazza molto attenta all’attualità e in uno dei suoi post aveva mostrato il suo sostegno nella lotta contro le violenze scrivendo: “Non solo voi donne, ma anche voi uomini… distinguetevi da chi le donne, invece di rispettarle, le maltratta…Stop alla violenza sulle donne”, nella giornata contro le violenze di genere.

Sono ancora molte le ipotesi aperte su cui stanno indagando i poliziotti. Non si sa ancora per quale ragione Romina si fosse incontrata con l’ex, se per un chiarimento dopo la fine della relazione o per caso. Le indagini hanno preso la direzione dell’omicidio passionale, come confermerebbe anche la violenza con la quale sono state inferte le coltellate. Le indiscrezioni parlano di un rapporto finito male, per la morbosa gelosia dell’uomo e la decisione della vittima di iniziare un nuovo percorso di vita accanto ad un’altra persona. Dopo il misfatto l’uomo avrebbe percorso in automobile una cinquantina di chilometri, da Frosinone a Sabaudia, dove lavorava saltuariamente: si trovava ancora seminudo in spiaggia quando è stato visto dai Carabinieri. Ora è in stato di fermo.