Zanzare: ecco le previsioni per quest’estate

0
48

Aria di estate ma anche di zanzare in agguato. Quali sono i fattori che le scatenano.

Zanzare
Zanzare
(@ecopul_srl)

Quello che accade in primavera influenza tutta la stagione proprio a causa delle larve. Se il meteo ci regala giornate calde e piovose il rischio di avere zanzare sarà maggiore. Così come spiega il biologo Fabrizio Montarsi che opera nell’Istituto Zooprofilattico in Veneto.

Le culex sono le zanzare che pungono in questo periodo, secondo una spiegazione del biologo Montarsi. Il genere Cùlice (Culex ) è il più grande tra quelli appartenenti alla famiglia dei Culìcidi; comprende le zanzare ematofaghe per eccellenza, vettore primario di molte malattie virali e parassitiche, tra cui la filariasi e l’encefalite giapponese.

Le comuni zanzare nascondono durante i mesi invernali proprio nelle nostre abitazioni e poi con la primavera si risvegliano dal lungo sonno.Tutto dipende dalle precipitazioni piovose, se le piogge scarseggiano il clima non è adatto per loro. A causa delle temperature già calde e con anticipo ovviamente il fenomeno del risveglio avviene prima.

Nella regione del Friuli Venezia Giulia è stata identificata la presenza della zanzara giapponese e coreana. Le loro larve hanno una capacità di adattamento anche con basse temperature. Sono state identificate proprio nei bidoni degli orti.

La cartina geografica delle zanzare

Culex pipiens
Culex pipiens
(@piante_animali_e_altro)

È possibile identificare una sorta di cartina geografica della presenza delle zanzare con l’intento di prevedere in che momento dell’anno e in quali luoghi si concentrano e prevenire soprattutto le tante malattie che le stesse trasmettono.

L’Osservatorio Nazionale di Atene in partnership con Istituto Zooprofilattico in Veneto, insieme all’ Università di Trento e la Fondazione Edmund Mach stanno cercando di condurre proprio questa ricerca di geolocalizzazione delle zanzare.

Per creare dei modelli matematici sono stati utilizzati i dati dei satelliti. Le variabili che sono state segnalate e considerate circa la loro comparsa e diffusione sono le precipitazioni, la vegetazione, la presenza di acqua, l’umidità e la temperatura.

Tutto questo riconduce proprio alle nostre care “nemiche” zanzare che ci tormentano non appena il caldo avanza. Ma se amiamo e vogliamo l’estate dobbiamo imparare a convivere anche con esse.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui