Pisa, all’Università compare il bagno per il genere neutro “Come a casa vostra”

0
94
Fonti ed evidenze: Repubblica, Giornale

La questione del gender è entrata nelle Università e nelle scuole da tempo. Ora, tuttavia, è entrata anche nei servizi igienici.

La questione del gender – o genere, per dirla con la nostra lingua madre – è sempre più sentita, specialmente tra i giovani. Qualche giorno fa, a Milano, un docente di Storia è stato licenziato per non aver voluto fare lezione in presenza di tre ragazzi che si erano presentato a scuola in gonna. Il “gender fluid” ha pervaso la cultura di tutto il mondo e l’Italia non fa eccezione. Ognuno rivendica il diritto di essere trattato er come si sente dentro, a prescindere dal sesso biologico con il quale è nato. Soprattutto a prescindere da qualsivoglia incasellamento dettato dalla società e dalle tradizioni. Dunque – per molti – basta maschile e femminile, basta uomo e donna. Forse oggi pure il film “Maschi contro femmine” del regista Fausto Brizzi sarebbe passibile di censura.

Le questioni legate al genere, tuttavia, sono pasate dalle aule, parlamentari e scolastiche, ai gabinetti. Non i gabinetti nei quali si vota, i gabinetti nei quali si espletano le funzioni fisiologiche: i bagni. All’Università di Pisa è arrivato il “bagno neutro“. Gli edifici dell’ateneo toscano sono in totale settanta e – su richiesta di un collettivo studentesco – sono stati tutti mappati e sulle porte dei bagni sono stati affissi dei manifesti che rimarcano l’iniziativa di creare bagni neutrali, in cui, in sostanza, chiunque possa entrare a prescindere dal sesso biologico. “Questo è un bagno neutro. A casa tua i bagni sono divisi per genere?”, si legge sulle porte dei servizi igienici dell’Università. Gli studenti del collettivo hanno poi sottolineato che – a detta loro – dividere i bagni per uomo e donna è violenza di genere.  Sulle porte utilizzate come pannelli d’affissione sono spariti i simboli che indicano “uomo” e “donna”.

L’iniziativa è ancora in fase di discussione ma il Senato accademico sembra essere orientato all’accoglimento.  L’università di Pisa si è sempre segnalata per una certa apertura in relazione al genere fluido, infatti è stata anche delle prime ad adottare la “carriera alias” per gli studenti transessuali già nel 2007.  All’interno dell’Ateneo non sono solo gli studenti a premere verso l’eliminazione di ogni differenza di genere, anche il professor Arturo Marzano – delegato per Gender studies and equal opportunities -sostiene questo tipo di iniziative. Il docente ha proposto l’adozione di un simbolo politicamente impegnato, un mix di maschile e femminile. Altre voci, invece, si oppongono. Non tanto perché non condividano che ognun venga trattato per come si sente – ci mancherebbe – quanto perché, a detta di altri studenti, le priorità di cui occuparsi sarebbero altre: “Anziché preoccuparsi delle strutture carenti, della rimozione di ogni spazio studentesco condiviso e della difficili situazione di un’Università che non riesce a gestire la pandemia, l’Ateneo pisano preferisce abbandonarsi alla deriva della società aperta” – lamentano da Azione universitaria. Senza contare che , maschi, femmine, transessuali, non sessuali o pansessuali, senza Green Pass gli studenti universitari non possono frequentare le lezioni in presenza pur avendo pagato le tasse.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui