La terribile notte di Irene, in cerca di Luca che non torna a casa: lo trova accanto all’auto distrutta

0
1866
Fonti ed evidenze: Messaggero

Treviso, Valdobbiadene: Luca Vettoretti, 29 anni e appassionato di calcio, perde il controllo della sua Ford Fiesta e finisce fuori strada. 

E’ accaduto durante la notte  di domenica 1 agosto. L’auto di Luca Vettoretti, 29 anni originario di Valdobbiadene a Treviso, esce di strada e si schianta in un piazzale di un’azienda. Il ragazzo aveva appena salutato alcuni amici con cui aveva passato la serata di sabato, poi, nel tragitto per tornare a casa, ha perso il controllo dell’automobile, una Ford Fiesta grigia, finendo fuori strada. L’impatto è stato fortissimo e inutili i soccorsi giunti alle 4:00 dopo l’avviso mandato da un conducente di passaggio.

I soccorritori del Suem sono arrivati subito in via Ponticello a Cavaso del Tomba, ma per Luca non c’era più niente da fare. Il ragazzo, originario della frazione di San Giovanni di Valdobbiadene, studiava all’università, lavorava in un’azienda agricola del Montebellunese ed era stato un centrocampista della Valdosport, della Vidor e della Cisonese. Avrebbe dovuto vestire la maglia del Pederobba nella prossima stagione.

Le cause che hanno portato Luca a perdere il controllo dell’auto sono ancora ignote, le forze dell’ordine stanno indagando in merito. Ancora nessuna data certa su quando saranno svolti i funerali.

Quella notte la fidanzata Irene e la sua famiglia lo stavano aspettando a casa. Non vedendolo arrivare lo hanno chiamato più e più volte senza avere risposta. Così Irene e la sorella maggiore di Irene, Francesca sono uscite per cercarlo: lo hanno trovato senza vita accanto all’auto distrutta.

Sei entrato nella nostra famiglia in punta di piedi, con gentilezza e rispetto, quelle qualità che ormai pochi ragazzi hanno”  così ha scritto, ricordandolo, la sorella di Irene, che ha vissuto assieme a lei quella notte sconvolgente “Hai portato ad Irene quello che non aveva da tempo: la felicità, quella vera e continua Ci chiediamo perché. Perché è successo. Perché a te. Eri uno di quelli con l’anima buona. Resterai sempre così. Ciao Luca! Continua a rimanere accanto a mia sorella, che lei, di te, ha ancora bisogno

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Muore in montagna durante una gita con gli amici, chi è Francesca Mirarchi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui