Aurora Leone amareggiata dopo la polemica, ma c’è chi la accusa di aver mentito

0
265

Aurora Leone dopo la disavventura con la Nazionale Cantanti è accusata di aver mentito sul reale svolgimento dei fatti di quella sera: ecco che cosa è successo.

Aurora Leone

Lei è Aurora Leone, 22enne di Caserta che insieme a Ciro Priello, Simone Ruzzo, Fabio Balsamo e Gianluca Fru fa parte dei “The Jackal“, gruppo comico che ha conquistato il web con video di parodie diventati virali. Negli ultimi giorni si è resa protagonista di una vicenda che ha fatto e sta facendo ancora molto chiacchierare: la sua esclusione dalla cena della Nazionale Cantanti. Il motivo? Perché è donna, e le donne “non giocano a calcio” e “non possono sedere al tavolo dei calciatori”. O almeno questo è quello che le ha detto Gianluca Pecchini, il direttore generale della squadra che dopo la bufera mediatica si è dimesso. Ma c’è chi sospetta che le parole di Aurora non siano genuine.

La serata avrebbe dovuto essere delle più tranquille: una cena con i giocatori della Nazionale Cantanti, a letto presto e poi, il giorno dopo, la Partita del Cuore. Questo era il programma che avrebbe aspettato Aurora Leone e Ciro Priello, che invece sono stati maleducatamente cacciati dal tavolo a cui stavano mangiando. “Non puoi stare seduta con gli uomini, le donne non giocano“, le è stato detto da Pecchini, “Ti devi alzare perché le donne non possono stare al tavolo della squadra“. Aurora ha denunciato l’accaduto sui social, scatenando forti reazioni, in seguito alle quali il direttore generale della Nazionale Cantanti non ha potuto che dimettersi.

Le parole di Aurora Leone dopo le dimissioni di Pecchini

Dopo la notizia delle dimissioni Aurora è voluta tornare sull’argomento. La 22enne ha spiegato di come in realtà il calcio le sia sempre piaciuto e di come lo abbia sempre praticato, circondata da maschi, sin da piccola. Per esprimere il proprio pensiero la comica ha voluto utilizzare Instagram, condividendo anche una fotografia che la ritrae da bambina abbracciata ad alcuni amichetti con tanto di pallone da calcio, tutti in “divisa” con la maglia della nazionale italiana.
Il suo è stato anche un gesto per ricordare che la giusta causa per la quale si svolge la Partita del Cuore è comunque di tutto rispetto: la raccolta fondi per la Fondazione piemontese per la ricerca contro il Cancro non deve subire danni dalla vicenda mediatica di questi ultimi giorni. Ma nelle ultime ore c’è qualcuno che la accusa di aver architettato tutta la vicenda solo per ottenere più followers sui social.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Auróra Leone (@auroraleone)

Sandro Giacobbe interviene: “È una bufala”

Secondo il musicista e membro storico della Nazionale Cantanti, quella di Aurora Leone sarebbe una grande “stupidaggine”, montata ad hoc solo per fare clamore mediatico ed ottenere più followers. Una trovata che lo ha fatto sentire “profondamente offeso come artista, calciatore e appartenente all’associazione” perché rischia di infangare la buona causa per cui si è organizzata la Partita del Cuore. “Stasera doveva essere la festa dei nostri 40 anni e dei 100 milioni di euro donati in tutto questo tempo e davvero non ci voleva“, ha dichiarato a MowMag.
Giacobbe ha provato a dare una propria interpretazione di come sarebbero andati realmente (secondo lui) i fatti: “Questa persona (Aurora), con il suo amico (Ciro) sono stati fatti arrivare il giorno prima perché distanti (venivano da Napoli) e quindi per alleggerire la trasferta. Loro tra l’altro giocavano nella squadra della Ricerca, però si sono seduti al tavolo della Nazionale Cantanti, per cui gentilmente gli è stato fatto notare che quel tavolo non era il loro e sono stati fatti accomodare all’altro tavolo. Si sono seduti e hanno mangiato. Poi, probabilmente in quella situazione qualcuno ha pensato di cavalcare l’onda per far scoppiare un po’ di rumore mediatico“. Peccato però che è stato chiesto solo ad Aurora di alzarsi dal tavolo, e che Ciro la abbia accompagnata perché indignato dalla richiesta assurda e maschilista.
Alle parole di Giacobbe la Leone ancora non ha risposto, ma si attende a breve una sua replica tramite Instagram, il social network che la ragazza spesso usa per comunicare con i followers.

Leggi anche -> “Mi mandano via dalla Partita del Cuore perchè donna” Aurora Leone di The Jackal crea il caso

Leggi anche -> Gigi Proietti, per lui a Roma non c’è posto: le sue ceneri portate via

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui