Covid, 12.074 casi e 369 morti nelle ultime 24 ore: troppi decessi, le Procure danno il via alle inchieste

0
145
Fonti ed evidenze: Ministero della Salute, Repubblica, SecoloXIX

Troppi decessi in Italia. E le Procure decidono di indagare. Da Nord a Sud aperti oltre un centinaio di fascicoli. Nell’occhio del mirino molte residenze per anziani.

vaccino moderna
Getty Images/Xavier Galiana

Il Ministero della Salute informa che i casi totali – attualmente positivi, morti e guariti – sono saliti di 12.074 unità e portano il totale a 2.751.657. Nelle ultime ventiquattro ore 369 morti che fanno salire le vittime a 94.540 e 16.519 guariti che raggiungono quota 2.268.253.

I casi attualmente positivi scendono a 388.864, – 4822 rispetto a ieri. I ricoverati sono 18.274, -189 mentre nelle terapie intensive 2043 assistiti, – 31 da ieri.

Covid: troppi morti, aperte inchieste

Il gran numero di decessi legati al Covid  registrato nel nostro Paese insospettisce le Procure che da Nord a Sud aprono inchieste. Nonostante l’età media piuttosto avanzata della popolazione italiana, i conti non tornano. Il rapporto tra numero di soggetti contagiati e numero di persone decedute sembra sproporzionato. Nell’occhio del mirino, soprattutto, le residenze per anziani e gli ospedali. Dopo quanto avvenuto al Trivulzio, la  Procura di Milano e altre procure del distretto milanese in meno di otto mesi hanno  aperto centinaia di fascicoli per omicidio e lesioni colpose ed epidemia colposa. Per omicidio colposo sono stati aperti 68 fascicoli con indagati e 178 senza. Mentre per lesioni colpose sono stati iscritti 169 fascicoli con indagati e 590 senza.

Anche a Lodi sono stati aperti 38 procedimenti per presunta colpa medica.  Altre 11 indagini, sempre per  presunta colpa medica riguardano, invece,  gli effetti del contagio nelle Rsa. Decine i fascicoli aperti a Busto Arsizio, Como, Lecco: vengono monitorati attentamente i decessi degli anziani ospiti delle case di riposo rispetto agli anni precedenti. Numerose sono state le denunce da parte di dipendenti di strutture sanitarie e gli esposti da parte delle organizzazioni sindacali a tutela dei dipendenti che si sono infettati mentre lavoravano in ambienti – evidentemente – non adeguatamente sicuri.

Passando dall’altro capo della penisola – in Puglia – la situazione non appare più incoraggiante. A Lecce la Procura ha aperto un fascicolo sul focolaio scoppiato all’interno della residenza socio sanitaria San Vincenzo di Miggiano. Qui, in meno di un mese, i contagi – tra ospiti e lavoratori – hanno raggiunto quota 41 mentre i morti sono stati 13.  Tutto è partito da un esposto da parte dei familiari di una delle vittime, il 76enne Antonio Luigi Daniele,  deceduto nella notte tra il 25 e il 26 gennaio 2020 presso il Dea di Lecce dopo aver contratto il Covid all’interno della casa di riposo. I parenti della vittima hanno sollevato dubbi sul fatto che la residenza non abbia seguito con attenzione i protocolli  per contrastare l’emergenza sanitaria causata dal Covid.

A  queste indagini si aggiungono quelle su presunte speculazioni. Oltre ai problemi direttamente legati al Covid, infatti, bisogna monitorare eventuali infiltrazioni della criminalità organizzata per cui l’emergenza sanitaria e la crisi economica innescata possono facilmente diventare occasione di business. Le mafie potrebbero allungare i propri tentacoli seguendo due direzioni parallele: rivendere i vaccini anti Covid attraverso un mercato nero; allungare i propri tentacoli sulle piccole e medie aziende e attività commerciali ridotte allo stremo a causa delle continue chiusure imposte dai Dpcm. Gli inquirenti hanno già individuato in Lombardia collegamenti tra mafia, ‘ndrangheta e camorra  finalizzati al riciclaggio di denaro ed al narcotraffico con uomini che fanno da cerniera.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui