M5s prossimi alla rottura, i “puri” mandano a quel paese Draghi: erano meglio Conte e Ciampolillo

0
152
Fonti ed evidenze: Huffington Post, Tpi

I Cinque Stelle lanciano il V-Day, un’iniziativa online in cui gli elettori voteranno sulla Piattaforma Rousseau il Governo Draghi. Screzi tra Beppe Grillo e i vertici 5S.

Hannelore Foerster/Getty Images

Non si placa la crisi intestina del Movimento Cinque Stelle: i senatori “ribelli” hanno infatti alzato la posta e lanciato l’iniziativa V-Day contro Mario Draghi, chiamata sicuramente non per una coincidenza con lo stesso nome che la stampa ha affibbiato alla campagna di vaccinazione contro il Coronavirus: questa sera attorno alle ore 21:00, sulla piattaforma online Zoom, i senatori orientati verso il no a Draghi – capeggiati e rappresentati da Barbara Lezzi – si riuniranno virtualmente, invitando secondo quanto si legge sul voucher dell’evento intellettuali ed esperti per elencare le ragioni per cui un Governo Draghi sarebbe inaccettabile. La ragione principale comunque rimane ideologica: “Il Movimento non può accettare di condividere il governo con Lega e, ancora di più, con Silvio Berlusconi. Un governo in cui, se allargato a quasi tutta la destra, non saremmo ago della bilancia, non avremmo la maggioranza relativa” dicono i dissidenti. La preoccupazione – più che di natura puramente politica – sembra fondata sulla paura che i Cinque Stelle perdano potere all’interno dell’esecutivo dopo aver governato come principali alleati di Conte fino ad ora.

E a scongiurare il V-Day contro Draghi non sono servite ne le parole del leader ideologico dei Cinque Stelle Beppe Grillo – che aveva invitato i compagni di partito a prendere tempo e a riflettere – ne l’intervento dell’ex premier Giuseppe Conte che aveva parlato di: “Enorme responsabilità verso il paese”, chiamandosi fuori dall’esecutivo ma invitando gli ex alleati di Governo a prendere parte alla coalizione di Draghi anche a costo di allearsi con un rivale politico come Silvio Berlusconi. Perfino il PD ha cercato di calmare gli animi, invitando i Cinque Stelle oppositori di Draghi – una cinquantina di senatori – a ragionare sulle parole del Presidente della Repubblica che ha chiesto unità. Lo stesso Beppe Grillo ha preso molto male la decisione – apparentemente presa a sua insaputa – di indire una votazione sulla Piattaforma Rousseau nei prossimi giorni che permetterà agli elettori Cinque Stelle di esprimere la loro opinione sul Governo Draghi. A lanciare l’iniziativa sarebbero stati il leader pentastellato Vito Crimi ed il figlio del co-fondatore del partito Davide Casaleggio: Luigi Di Maio si è invece chiamato fuori, sostenendo di non avere nulla a che fare con l’iniziativa che ha turbato Grillo.

Le consultazioni hanno dato perlopiù responso positivo sia in partiti schierati a Sinistra che a Destra, con poche eccezioni: la posizione dei Cinque Stelle, alla luce di quanto sta accadendo e di quanto accadrà nelle prossime ore, resta molto complicata da analizzare: se lo stesso Grillo non è riuscito a riportare sotto una linea comune il suo vecchio partito, appare molto improbabile che gli altri leader pentastellati riusciranno a trovare rapidamente una linea comune: a questo punto, la consultazione sulla Piattaforma Rousseau diventa estremamente importante per il partito che deve prendere una posizione in maniera compatta il prima possibile.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui