Bolzano, trovato nell’Adige il corpo di Laura Perselli, madre di Benno

0
784
Fonti ed evidenze: Fanpage

E’ di Laura Perselli il corpo rinvenuto questa mattina nel fiume Adige. La donna era scomparsa da Bolzano il 4 gennaio insieme al marito Peter Neumair.

trovato corpo laura perselli
Benno Neumair Facebook

 

Questa mattina – dopo oltre un mese di ricerche – è stato rinvenuto nel fiume Adige il corpo di Laura Perselli. La donna era svanita nel nulla da Bolzano lo scorso 4 gennaio assieme al marito, Peter Neumair. Fonti vicine alla famiglia Neumair-Perselli avrebbero  confermato che il corpo ritrovato nell’Adige appartiene  alla madre di Benno il quale si trova in carcere dal 29 gennaio, accusato del duplice omicidio dei genitori nonché dell’occultamento dei cadaveri.  I Carabinieri hanno recintato l’intera zona e bloccato gli accessi al ponte sull’Adige mentre i vigili del fuoco ora hanno intensificato le ricerche in acqua nella zona del ritrovamento del corpo della donna nella speranza di ritrovare, a stretto giro, anche il corpo di Peter Neumair.  Per agevolare il lavoro dei sommozzatori è stato deciso addirittura di ‘svuotare’ l’Adige, cioè ridurre la portata del fiume limitando il deflusso delle dighe a monte che lo alimentano, in modo da facilitare le ricerche che andavano avanti da settimane.

Secondo la ricostruzione messa in piedi dalla Procura, i corpi della coppia sarebbero stati gettati nel fiume dal Ponte della Vadena, la sera del 4 gennaio scorso. Quella stessa sera, infatti, Benno Neumair è passato esattamente in quel punto con la Volvo del padre, mentre si dirigeva a Ora, per raggiungere un’amica da cui poi ha trascorso la notte. Benno, tuttavia, ha impiegato circa sessanta minuti per raggiungere Ora mentre, calcolando il percorso dal punto in cui partiva, avrebbe dovuto arrivare lì in non più di venticinque. Il giovane ha spiegato agli inquirenti di aver perso tempo perché, lungo il tragitto, avrebbe fatto una sosta per fumare e  rilassarsi, prima di rimettersi in marcia verso casa dell’amica. Il 30enne, presentatosi in Procura in piena notte accompagnato dai suoi legali, non ha ancora confessato l’omicidio di Peter e Laura nonostante i numerosissimi indizi contro di lui. In paese molti sapevano dei  pessimi rapporti di Benno con i genitori sia per questioni economiche sia  per l’instabilità psicologica del ragazzo dovuta – presumibilmente – alla sua dipendenza da sostanze anabolizzanti atte a gonfiare i muscoli. Ma ciò che più di tutto ha fin da subito fatto sospettare di Benno è il suo atteggiamento estremamente lucido e distaccato al punto da rimanere impassibile anche nell’ascoltare alcune registrazioni contenenti la voce della madre prima della scomparsa. Il ritrovamento del cadavere di Laura Perselli, potrebbe imprimere una svolta decisiva al caso.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui