Flavio Insinna attaccato dai cacciatori, ma i follower sono dalla sua parte

0
84

Flavio Insinna ha scatenato forti proteste da parte dei cacciatori per una frase pronunciata durante “L’eredità”. Scopriamo di cosa si tratta

Flavio Insinna

Il celebre conduttore ha fatto arrabbiare il mondo della caccia, per via di una frase pronunciata nel corso della trasmissione L’Eredità del 27 dicembre scorso. Commentando una domanda del gioco il 55enne romano in merito alla caccia ha dichiarato “Non è uno sport”. Federcaccia si è detta profondamente contrariata da questa affermazione e nella persona del presidente Massimo Buconi, ha scritto una lettera di protesta alla Rai minacciando anche azioni legali nei confronti del conduttore per diffamazione. Non sarebbe la prima volta che Insinna fa delle dichiarazioni di questo tipo, facendo infuriare il mondo della caccia. Questa querelle è andata in scena nelle scorse ore, con i fan del conduttore che si sono schierati dalla sua parte, ovviamente con l’appoggio degli animalisti che sono scesi al suo fianco. In poche ore su Twitter si è diffuso l’hastag #iostoconflavioinsinna che in poco tempo ha scalato la vetta delle tendenze.

–> Leggi anche Rosalinda Celentano, la decisione che ha addolorato i fan: “Addio per sempre”

Flavio Insinna ha fatto arrabbiare parecchio il mondo della caccia. Nella lettera del presidente di Federcaccia Massimo Buconi indirizzata al direttore della rete pubblica ma anche al presidente e ai membri della Commissione parlamentare di indirizzo generale e Vigilanza, si fa notare come il conduttore, approfittando di un ruolo pubblico, discrimini uno sport insieme a tutti i praticanti. Inoltre si la leva sul fatto che non sarebbe la prima volta che il diretto interessato si lascia andare in commenti del genere, e questo per il mondo della caccia resta un comportamento insopportabile. Si legge nella lettera che Federcaccia ha dato mandato ai suoi legali per intraprendere un procedimento legale nei confronti sia del conduttore romano che della rete pubblica. La minaccia del mondo della caccia resta quella di invitare tutti i suoi esponenti a non guardare il programma L’eredità e a boicottare tutti i prodotti da questa sponsorizzati. Querelle che andrà ancora avanti nei prossimi giorni, voi cosa ne pensate di questo comportamento del conduttore e della reazione del mondo della caccia?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui