Brexit, raggiunto l’accordo: “Riprendiamo il controllo del nostro denaro e dei nostri confini”

0
271
Fonti ed evidenze: Repubblica, SkyTg24, Boris Johnson Twitter

Dopo lunghe attese Unione Europea e Gran Bretagna hanno raggiunto l’accordo per la Brexit.

brexit 24.12.2020 Leggilo.org
Boris Johnson Twitter

Dopo mesi di negoziati l’accordo sulla Brexit è stato finalmente raggiunto. La trattativa conclusiva si è aperta mercoledì sera per chiudersi giovedì. A darne il lieto annuncio, ad un passo dal Natale in un anno che ha messo il mondo in ginocchio a causa del Covid, sono state fonti londinesi. Un testo lungo 2000 pagine che formalizza il via libera al compromesso finale su un intesa di libero scambio. L’accordo, raggiunto in extremis, entrerà in vigore dal primo gennaio 2021. Un regalo che il Premier Boris Johnson fa trovare sotto l’albero ai tanti britannici che iniziavano a perdere la speranza. Johnson ha dichiarato: “L’accordo di libero scambio post Brexit con l’Ue ci aiuterà a difendere i posti di lavoro nel Regno Unito e allo stesso tempo a riprendere il nostro destino nelle mani”. Da Downing Street si lascia trasparire tutto l’entusiasmo. Fonti del Governo del Premier Johnson hanno spiegato: “Tutto quanto è stato promesso al popolo britannico durante il referendum del 2016 e nella campagna elettorale delle elezioni politiche dell’anno scorso è rispettato da questo accordo. Abbiamo recuperato il controllo del nostro denaro, dei nostri confini, delle nostre leggi, del nostro commercio e delle nostre acque per la pesca”.

Clima sereno e soddisfatto anche a Bruxelles, a quanto pare. Il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, durante una conferenza stampa ha affermato: “Abbiamo finalmente trovato un accordo, è buono, equilibrato e la cosa più responsabile da fare per entrambe le parti. Ci possiamo lasciare alle spalle la Brexit. Ora è tempo di voltare pagina e guardare al futuro”.Ora resta solo da attendere la ratifica da parte del parlamento di Westminster – prevista per il 30 dicembre – e quella “retroattiva” di Strasburgo, che probabilmente voterà in gennaio.  A conclusione del discorso televisivo alla nazione, Boris Johnson ha precisato: “Credo che questo sia un buon accordo anche per i nostri partner europei, sarà anche nel loro interesse avere una Gran Bretagna contenta e prospera come vicino. noi saremo il vostro alleato, il vostro sostegno e, non dimentichiamolo, il vostro mercato”.  Intanto la sterlina ha già guadagnato nei cambi sui mercati valutari e le borse sono già salite.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui