Coronavirus 37.809 nuovi casi e 446 morti, Ricciardi: “Napoli andava chiusa”

0
12
Fonti ed evidenze: Ministero della Salute, Repubblica

Da oggi le Regioni d’Italia soono suddivise per “colori”. Sulla questione interviene il virologo Walter Ricciardi che non è del tutto d’accordo su questa suddivisione.

I dati del Ministero della Salute in merito alla situazione di oggi ci informano che i casi totali – attualmente positivi, morti e guariti – salgono di 37.809 unità e portano il totale a 862.681. Nelle ultime ventiquattro ore 446 morti che portano il numero complessivo delle vittime a 40.638. Da ieri sono stati eseguiti 234.245 tamponi.

I casi attualmente positivi sono 499.118, +26.770. I dimessi e i guariti da ieri registrano un incremento di 10.586 unità e raggiungono in totale quota 322.925. I pazienti ricoverati salgono a 24.005, +779 mentre nelle terapie intensive ci sono 2515 assistiti, 124 rispetto a ieri.

Coronavirus_Ricciardi 06.11.2020 Leggilo.org
Getty Images/Jean-Christophe Guillaume

Coronavirus: secondo Walter Ricciardi Napoli andava chiusa

Da oggi ha avuto inizio la suddivisione delle Regioni italiane in tre fasce le quali si differenziano in base al colore: verde, giallo e rosso. Nel gruppo delle verdi ben poche rientrano, soltanto quelle in cui la situazione dei contagi da Covid appare – almeno per ora – abbastanza tranquilla. Cartellino rosso, invece, per Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta e Calabria dove la situazione appare ormai fuori controllo e dove, soprattutto, si teme un collasso di ospedali e pronto soccorso a stretto giro. Gialle tutte le altre Regioni. Ma c’è chi non è d’accordo su questa suddivisione decisa dal Ministro della Salute Roberto Speranza su indicazione dell’Istituto superiore della sanità. La voce del dissenso, però, non proviene dall’Opposizione che – dalla conferenza del Premier Giuseppe Conte in poi – lamenta la zona rossa assegnata, a loro dire, ingiustamente alla Lombardia. No. Questa volta a non essere d’accordo con il ministro Speranza è il suo stesso consigliere, il virologo Walter Ricciardi. Ricciardi – intervistato da Un giorno da Pecora su Rai Radio 1 – ha sostenuto:  “La situazione degli ospedali è drammatica più o meno in tutta Italia, in alcuni è addirittura tragica” . E se da Nord c’è chi rivendica per la Lombardia la fascia gialla come la Campania, Ricciardi – sul fronte opposto – chiede per Napoli la fascia rossa come per Milano: “Napoli doveva essere chiusa già 2-3 settimane fa. La Campania è in zona gialla perché è stata fatta una media sui dati regionali mentre bisognerebbe estrapolare i dati a livello provinciale”.

Lo scienziato spiega che, sui 21 parametri utilizzati per valutare in quale fascia inserire una Regione, soltanto 4 o 5 sono – a suo avviso – davvero importanti. Il primo  è l’indice di contagio Rt, perché indica quanto il virus sta accelerando; il secondo paramentro di cui tenere conto secondo le considerazioni di Ricciardi  è il numero assoluto di casi; il terzo, invece,  è la percentuale di casi positivi sull’intera popolazione. Il quarto e il quinto parametro, infine, non riguardano il Covid direttamente quanto piuttosto la situazione del sistema sanitario: quante persone arrivano al pronto soccorso, quante vengono ricoverate e quante finiscono in terapia intensiva. Perché la possibilità di sopravvivere al Covid non dipende soltanto dalla gravità dell’infezione e da eventuali patologie pre esistenti nei pazienti infetti; conta moltissimo anche la capacità di intervenire tempestivamente. Cosa che potrebbe diventare difficile se in una Regione si esaurissero a breve tutti i posti letto nelle terapie intensive o se mancasse il personale sanitario.

I dubbi sui dati forniti dalle Regioni

Ricciardi tocca, inoltre, un argomento recentemente affrontato dal suo collega Andrea Crisanti, ordinario di Microbiologia presso l’Università di Padova: la veridicità dei dati forniti dalle Regioni. Il timore di Crisanti era che alcune Regioni potessero truccare i dati per non finire nella fascia rossa. Ricciardi non si spinge a formulare questa ipotesi ma spiega che: ” I dati in base ai quali collocare un’area del Paese in una fascia di rischio piuttosto che in un’altra arrivano dalle Regioni. Se le Regioni li mandano tempestivamente, completamente e adeguatamente, le decisioni vengono prese sui dati reali. Se invece per qualsiasi motivo i dati vengono forniti in ritardo oppure sottostimati, è chiaro che fanno colorare in maniera un pò diversa la regione. Generalmente di un colore più basso”. Proprio per evitare che, in tal senso, si generi confusione e si sollevino troppe proteste, il Governo starebbe valutando l’idea di togliere alle Regioni la competenza in materia di Sanità.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui