Esplosiva e senza peli sulla lingua, ma a 20 anni era una bomba di sensualità

0
7

Oggi è uno dei personaggi più controversi della televisione: esplosiva e senza peli sulla lingua, sempre al centro di fatti e dichiarazioni polemiche. Ma a vent’anni era un’esplosione di sensualità.

Oggi è uno dei personaggi più amati e controversi della quinta edizione del Grande Fratello Vip. Esplosiva e senza peli sulla lingua, sembra una bomba a orologeria sempre pronta a esplodere in rivelazioni di lasciano di stucco i compagni di reality e i telespettatori. Una fonte inesauribile di perle trash, come l’hanno definita alcuni, e sempre al centro dell’attenzione. Nulla a che fare con la sensualissima 20enne che ha fatto impazzire gli uomini tra gli anni 60 e 70. È lei, Patrizia De Blanck, la Contessa – ma forse no – che nelle foto scattate più di 50 anni fa appariva come una vera pin-up. Conturbante, da perdere la testa, insomma.

E infatti di teste Patrizia ne ha fatte perdere tante. Nel 1960, alla tenera età di 20 anni, De Blanck ha sposato il nobile inglese Anthony Leigh Milne. Il matrimonio è naufragato neanche un anno dopo, per cause che oggi finirebbero in prima pagina di tutti i migliori siti di gossip. Il baronetto, in effetti è stato colto in flagrante adulterio con il suo migliore amico. Ma l’indugio non è certo nelle corde della Contessa che, rifattasi dalla delusione con il primo marito, poco dopo si è fidanzata con Farouk El Chourbagi. L’uomo però è stato assassinato nel 1964 in uno dei casi giudiziari più famosi della Dolce vita. Sempre in cerca dell’amore, l’instancabile Patrizia De Blanck si è sposata nel 1971 con il console di Panama Giuseppe Drommi, che è morto nel 1999 e con il quale ha avuto Giada De Blanck, la sua unica figlia. Ovviamente la ex pin-up non si è fermata solo a queste storie di amore, e non ha mai fatto segreto sui con alcuni vip quale Alberto Sordi, Franco Califano, il figlio di Onassis. È comprensibile che tutti perdessero la testa per una donna provocante e sensuale come era Patrizia De Blanck.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui